Archivio

Posts Tagged ‘Applicazioni’

Game Button, una vasta raccolta di games giocabili gratuitamente da Chrome

Ed eccoci come di consueto, o quasi, al nostro appuntamento domenicale pronti a scoprire insieme applicazioni, giochi, strumenti e quant’altro, tutti dedicati al divertimento personale ed al relax, tenendo sempre ben presente la maggiore disponibilità di tempo libero che contraddistingue quest’ultimo giorno della settimana.

A tal proposito, se nelle scorse settimane avete avuto modo di dare uno sguardo ai vari e divertenti games giocabili direttamente dalla barra degli strumenti di Chrome, allora, quest’oggi, preparatevi a passare qualche minuto della vostra giornata in totale allegria grazie ad una fantastica raccolta di giochi accessibile mediante una sola ed unica icona.

Si tratta infatti di Game Button, un’altra ottima estensione per Chrome tutta dedicata al divertimento che, come già accennato, consente di accedere ad una collezione di ben oltre 250 giochi in flash differenti e completamente gratuiti, accessibile mediante un’unica icona, come d’altronde è facile dedurre dal nome stesso dell’add-on, posta sulla barra degli strumenti del browser e, rispettando quella che è la tradizione, giocabili direttamente mediante un apposito widget, onde evitare di dover lasciare la pagina web visualizzata al momento.

La vasta raccolta di games, suddivisa per categorie, include giochi di varia natura, come nel caso del Tetris, Pacman, Sonic, Super Mario e molto altro ancora, in grado di soddisfare i gusti di una fascia d’utenza decisamente ampia, il tutto automaticamente aggiornato ogni giorno così da poter verificare costantemente l’inclusione di nuovi ed accattivanti titoli.

Tutti i vari games includono, inoltre, istruzioni circa i comandi e le info ed una apposita classifica di gioco.

A questo punto non mi resta altro da fare se non augurare a tutti buona domenica e, ovviamente, buon divertimento!

via geekissimo.com

Annunci

Fra le 10 applicazioni open source più scaricate domina il peer-to-peer

marzo 12, 2010 3 commenti

Vi siete mai chiesti quali siano le più scaricate applicazioni open source? Secondo le statistiche di SourceForge.net, riprese da Kale in un post su Geektrio, nella top ten c’è solo un’applicazione specifica per Linux, due sono cross-platform e il resto sono per Windows.

Sono i programmi di peer-to-peer a farla da padrone (ma attenzione, parliamo dei soli programmi presenti su SourceForge.net). Il podio infatti se lo spartiscono eMule, Vuze (ex Azureus) e Ares Galaxy, client peer-to-peer (torrent il secondo) che permettono di scaricare tutto o quasi. Al nono posto si piazza un altro client del genere, DC++.

Sorprende, o forse no, trovare Gimp per Windows al sesto posto dopo 7-Zip e Filezilla. E ancora più sorprendente è trovare al decimo posto una piccola applicazione che permette di usare le font di Windows su sistemi Linux.

Gli altri piazzati sono Audacity (7°) e PortableApps (8°), applicazione che consente di mettere su usb altri programmi open source, Smart Package of Microsoft core fonts.

via ossblog

Perché l’iPad non avrà le applicazioni di default dell’iPhone?

marzo 10, 2010 1 commento


Proprio ieri abbiamo visto il primo spot ufficiale dell’iPad, trasmesso sul red carpet dell’Academy Award. Ma non abbiamo visto nel dispositivo alcune delle applicazioni di default dell’iPhone. Perché non ci sono Stocks, Calculator, Clock, Weather e Voice Memos sull’iPad? Ecco una possibile spiegazione.

Stando a Daring Fireball dipende dal design e dal perfezionismo di Steve Jobs:
“Il punto è che limitandosi a infilare applicazioni dell’iPhone solo per riempire lo schermo dell’iPad, lo schermo stesso risulterebbe strano, anche se usate la grafica alla massima risoluzione. Quindi l’idea è stata scartata da voi-sapete-chi. Forse appariranno sull’iPad in qualche rivisitazione estiva con l’OS 4.0, ma quando l’iPad sarà in vendita il prossimo mese, non ci saranno versioni di queste applicazioni. O almeno, questo è quello che dicono i soliti bene informati“.

Una parte di noi spera che questi bene informati si sbaglino, questa volta.

via gizmodo

10 servizi molto utili di Google

febbraio 23, 2010 Lascia un commento

Google, per moltissimi, è soprattutto motore di ricerca e Gmail, la webmail potente e – quasi sempre – affidabile. Aggiungiamo Google Maps, e anche un bisogno ormai primario, come quello della cartografia online, soddisfatto (sempre meglio).

Non tutti sanno però che Google, fra esperimenti e nicchie varie, offre una miriade di servizi secondari, atti a soddisfare anche le esigenze meno immediate. Alcuni sono servizi originalmente inventati da Google, altri sono frutto di qualcuna delle tante acquisizioni che Mountain View fa di tanto in tanto, come noialtri facciamo shopping. La lista ce l’ha segnalata Lost in Technology.

1. Aardvark, che è una versione moderna e impronunciabile di Yahoo! Answers. Provate per credere, risponderanno ad ogni vostra domanda, ma solo in inglese. Il suo compito è quello di effettuare una social search. Si propone, in pratica, di trovare persone, e non siti o soluzioni. Molto interessante.

2. Google Sets vi lascia dei campi vuoti a disposizione, in cui voi inserirete degli elementi. Magari dei film che hanno qualcosa in comunque, oltre al fatto di piacervi molto. Sets si occuperà di completare la lista con altri elementi attinenti. Un po’ magico, ma funziona.

3. Audio Indexing tiene conto di quante volte un certo argomento è trattato
nell’audio dei video di YouTube. Per ora funziona solo con la politica americana, ma le potenzialità sono enormi.

4. News Timeline, anche questo molto suggestivo. Dispone i risultati di Google News lunga una linea del tempo, mostrando graficamente come un certo argomento muti identità e contorni mentre le ore e i giorni passano.

5. Living Stories è frutto di una collaborazione fra Google e due grandi quotidiani americani: il New York Times e il Washington Post. Indicizza solo le notizie (e lo sviluppo di esse) che sono nate e si evolvono solo nelle versioni web dei due giornali. Tutta la documentazione è dunque online, senza dover ricorrere a confronti con le versione cartacee degli stessi.

6. City Tours, naturalmente basato su Google Maps, propone degli itinerari nelle città turisticamente più interessanti, collegando ogni punto del percorso a pagine su pagine di informazioni utili su luoghi, ristoranti, risorse.

7. Image Swirl è un motore di ricerca avanzata per immagini. Probabilmente il più noto della Top Ten, da provare subito se ancora non lo conosceste. Basa i suoi risultati sulla somiglianza grafica fra le immagini e le sa anche dividere in categorie (auto che rispondono alla chiave Jaguar, animali, etc.).

8. Dictionary. Il più sottovalutato, probabilmente per la forza della concorrenza. Molti esempi e immagini, un potente strumento didattico. Innumerevoli lingue presenti nel database.

9. Squared, che si propone di disporre in tabelle ricche di informazioni i risultati delle ricerche effettuate in esso. Con la possibilità di aggiungere dettagli e proporre nuove tabelle, in modalità un po’ wiki.

10. Fast Flip, uno dei più incompresi: presenta una veloce anteprima delle varie pagine di un sito di informazioni, come se sfogliassimo un giornale. Scegliendone una, e cliccandoci sopra, si apre la relativa pagine e si legge comodamente la notizia in questione.

via downloadblog

L’applicazione è il nuovo sistema operativo

febbraio 12, 2010 Lascia un commento

Matt Asay qualche giorno fa ha scritto un articolo sull’iPad commentando le parole di Fabrizio Capobianco che spiegano come l’applicazione sia diventato il nuovo sistema operativo.

Il paradigma d’uso di iPad cambia le regole a cui siamo abituati e trasforma il computer in qualcosa di più vicino all’utente inesperto nascondendo dettagli irrilevanti come le directory o il desktop. Tutto quello che serve è sfiorare un’icona ed il computer si trasforma in quella singola funzionalità.

Una semplificazione che elimina le complessità e rende più semplice l’esperienza d’uso per gli utenti. Sarà questa la strada futura del computing di massa? A prescindere da quanto questa nicchia si ingrandirà il movimento FOSS è tenuto a confrontarsi ed a proporre soluzioni valide.

Le capacità tecniche e creative non mancano come si può notare sfogliando i vari progetti che già sono in giro e non essere legati ad una singola strategia o ad un sistema operativo significa anche essere più liberi di sperimentare e trovare la soluzione migliore.

Riusciranno questi progetti a portare l’utente finale ancora più al centro dello sviluppo? Secondo Matt la risposta è affermativa e secondo voi?

via ossblog

E’ uscita l’applicazione Photoshop per Android ed è gratis

novembre 10, 2009 Lascia un commento


Photoshop! Su Android! L’applicazione Photoshop gratis di Adobe per Android è sorprendentemente tanto bella come quella per l’iPhone anche se mancano tutti gli effetti speciali, mentre si concentra su funzioni base come la saturazione, l’esposizione e il ritaglio.
Le funzioni principali sono buone, quindi la nostra principale lamentela è che non ci siano funzioni per il bilanciamento del bianco che notoriamente è un problema sul G1, ad esempio. Ma, gente, è gratis ed è già disponibile sull’Android Market: che altro volete?

Fonte: gizmodo

Allmyapps.com: il vostro repository di applicazioni linux e windows

novembre 5, 2009 Lascia un commento

allmyapps screenshot

Allmyapps.com è un comodo sito che consente l’installazione di software gratis e a pagamento semplicemente con un click disponibile sia per sistemi windows (XP, Vista e Seven) che per Ubuntu (dalla 8.04 fino alla ultimissima 9.10).

Il sito consente, previa registrazione gratuita, la scelta dei software da installare in un vasto repository di oltre 20000 applicazioni (come dichiarato sul loro blog ufficiale), opportunamente divise per tipologia di software nonché, naturalmente, per sistema operativo. Allmyapps consente anche la creazione di liste di software e con un semplice click è possibile procedere all’installazione dell’intera lista. È inoltre possibile condividere le liste attraverso le email oppure con codice html da pubblicare sul proprio sito. Infine è possibile mantenere uno storico delle proprie installazioni in maniera da poterle ripetere in futuro.

Allmyapps è quindi un sito con delle potenzialità decisamente interessanti, consentendo ad esempio di ripristinare il sistema con le proprie applicazioni preferite in maniera molto veloce e sicura. Il team di gestione del sito inoltre incoraggia la comunità a fornire nuove idee e feedback al fine di migliorare continuamente le features del sito.

Via ossblog