Archivio

Posts Tagged ‘App Store’

Come sincronizzare l’iPhone per wireless con WiFi sync

maggio 17, 2010 3 commenti

Uno sviluppatore ha rilasciato finalmente un’applicazione per sincronizzare iPhone con il computer attraverso la rete WiFi. L’app si chiama WiFi sync e il suo uso è dettagliato nel video qui sopra.

Purtroppo sembra che App Store abbia bocciato WiFi sync. Sebbene Apple riconosca che l’app non violi nessuna regola di iTunes App Store, il rifiuto è arrivato ugualmente, per “ragioni di sicurezza”. WiFi sync è stato quindi rilasciato su Cydia.

Per sincronizzazione l’iPhone con il Mac via rete wireless è necessario effettuare prima il jailbreak del dispositivo. In seguito, si installa il WiFi sync sia sul telefono che sul computer. Il software da installare sul Mac è gratis ed è scaricabile seguendo questo link.

Via melablog

Annunci

Incredibile: Opera Mini sbarca sull’iPhone


Da restare a bocca aperta. Contro le migliori previsioni e le speranze più ottimiste, Apple ha approvato la versione di Opera Mini per l’iPhone e tutti gli utenti potranno scaricarla entro 24 ore dall’App Store. Adesso è già disponibile su iTunes. Gli utenti dell’iPhone originale dovrebbero essere molto, molto felici adesso.

via gizmodo

iPad esordisce, applausi del pubblico

aprile 8, 2010 2 commenti

Il tablet di Cupertino batte i record di vendita del primo iPhone e per gli analisti arriverà ancora più in alto. Intanto c’è chi ha già fatto irruzione al suo interno, sia nell’hardware che nel software.

La permanenza media di un iPad nuovo di zecca nel magazzino di un Apple Store USA? Molto poco a giudicare dai 300mila esemplari consegnati nelle 24 ore immediatamente successive all’esordio ufficiale del raccontatissimo tablet di Cupertino. Un’entrata in scena degna dell’esperienza con cui Apple ha abituato il suo pubblico ormai dai tempi del primo iPhone, ma che oltre a basarsi su dati parziali (non vengono infatti forniti quelli relativi alle tavolette in ordine e si tratta per ora solo di modelli privi del modulo 3G) risponde, almeno in parte, a chi non vedeva in iPad alcuna utilità o ne preconizzasse in ogni caso una sorta di flop: sempre nell’arco della prima giornata di vendita l’App Store è stato preso d’assalto con un milione di download di applicazioni per iPad, mentre dal catalogo di iBookStore sono stati scaricati più di 250mila ebook.

Un successo prevedibile? Non per tutti. Certo l’hype e il ricordo ancora vivo di situazioni analoghe avrebbero potuto in qualche modo influenzare anche i ragionamenti degli analisti più esperti. Gene Munster, analista di Piper Jaffray, ha corretto più volte il tiro delle sue previsioni, basate peraltro sui soli ordini del modello WiFi, senza azzeccare tuttavia il risultato finale. Le vendite, è fisiologico, caleranno parallelamente all’hype che attualmente fa brillare l’aura di iPad, ma il traguardo del milione di unità vendute sembra essere molto vicino e un ulteriore spinta in questa direzione la daranno gli acquirenti che, scegliendo di attendere, si porteranno a casa il loro iPad 3G a fine aprile: periodo per il quale ne è prevista l’uscita (solo il co-founder di Apple Steve Wozniak, per ovvie ragioni, ne possiede già uno).

Il metro di paragone per capire meglio il successo iPad (almeno per quanto riguarda gli States) è il caro vecchio iPhone, quello di prima generazione che il giorno del debutto finì nelle mani di 270mila utenti e che cede ora lo scettro di best rookie ai 300mila e passa iPad estratti dai propri involucri nell’ultimo weekend. Sono sempre alcuni tra i più prestigiosi broker finanziari a dichiarare che entro la fine dell’anno Apple avrà venduto un numero variabile di milioni di iPad: si va dai 3,7 milioni secondo Canaccord Adams, passando 4,8 milioni di Susquehanna Financial, stima condivisa anche da J.P. Morgan, ai 5,5 milioni previsti invece da Piper Jaffray.

A cosa serve iPad sarà l’utente a deciderlo: e-reader, piattaforma videoludica e/o irrinunciabile strumento aziendale. Ciò di cui sono sicuri alcuni addetti ai lavori è che la capacità di sintetizzare diverse necessità in un solo device porterà con il tempo alla lenta ma inesorabile scomparsa di altri oggetti presenti nel panorama hi-tech e non solo: la sovrapposizione tra iPad e periferiche già esistenti si dovrebbe risolvere a sfavore di queste ultime.

Tra le centinaia di migliaia di acquirenti e curiosi che affollavano gli Apple Store statunitensi c’erano anche alcuni la cui curiosità non poteva essere soddisfatta semplicemente osservando il richiamo all’aggregazione sociale emanato dall’effige della mela morsicata. Qualcuno, dopo essersi sobbarcato la fila, ha preso il suo iPad e lo ha minuziosamente sezionato per cercare di capire dove si celasse il trucco utilizzato da Apple. Uno di questi è David Carey, di UBM TechInsights, che ha raccontato a GigaOM le impressioni raccolte durante e dopo il sezionamento di iPad.

Anche iFixit ha acquistato un iPad per il puro gusto di vedere come era fatto dentro, svelando alcuni particolari come il processore A4 di manifattura Samsung e la scheda di memoria flash NAND e il modulo Bluetooth che è identico a quello presente nell’iPod Touch di terza generazione. Per quanto riguarda i materiali Apple pare sia stata attenta a non turbare gli ambientalisti cercando di evitare a tutti i costi l’uso di sostanze nocive come l’arsenico, il mercurio e piro-ritardanti a base di bromo nella realizzazione di iPad.

Sul fronte WiFi si è invece registrato quello sembra essere un difetto comune a diversi iPad. Sul forum di supporto di Apple sono comparsi negli ultimi giorni alcuni commenti di utenti che lamentano una scarsa efficienza della connettività wireless del proprio dispositivo: il problema, probabilmente di natura software, è caratterizzato da una certa difficoltà nell’agganciare e mantenere una connessione senza fili.

Infine, connettività wireless a parte, iPad, così come iPhone qualche tempo prima, è caduto senza opporre troppa resistenza sotto i colpi inferti dal Dev Team. A mostrare con orgoglio su Twitter le prove dell’impresa ci ha pensato MuscleNerd, un componente della crew dedita al jailbreaking.

via punto-informatico

GUIDA IPHONEITALIA: vedere i canali Rai su iPhone grazie a Justin.tv [AGGIORNATO CON NUOVI CANALI]

marzo 24, 2010 19 commenti

Ecco una guida che potrebbe far gola a molti di voi. Oggi vi spiegheremo come visualizzare gratuitamente i canali Rai dal vostro iPhone utilizzando l’applicazione Justin.tv, appena pubblicata in App Store e di cui vi abbiamo già parlato qui. Bene, armiamoci di sana pazienza e procediamo!

Guida alla visualizzazione dei canali Rai su iPhone

La guida può essere eseguita su qualsiasi modello di iPhone, con e senza Jailbreak.

  1. Per prima cosa, occorre disporre di un account Justin.tv. Per crearne uno è sufficiente collegarsi all’indirizzo http://www.justin.tv dal proprio computer e cliccare sulla voce “Crea un Acconto” in alto a destra;
  2. Adesso inseriamo i nostri dati (username, password, data di nascita ed email) e clicchiamo su “Crea un Acconto”;
  3. Riceveremo un’email di conferma all’indirizzo indicato. Una volta aperta, basterà cliccare sul link presente al suo interno e avremo ottenuto il nostro account Justin.tv;
  4. Adesso scarichiamo l’applicazione Justin.tv (gratuita) dall’App Store;
  5. Una volta terminato il download, sincronizziamo il nostro iPhone con iTunes per installare l’applicazione;
  6. Ora procediamo con l’inserimento dei canali tra i preferiti del nostro account in modo da visualizzarli comodamente sul nostro iPhone.
    Sarà sufficiente aprire ciascuno dei seguenti link dal computer e aggiungere i canali ai preferiti tramite l’apposito pulsante “Favorite” situato in basso a sinistra subito dopo il video.

Rai 1 (http://it.justin.tv/calciopremium#r=sLqdJxw~)
Rai 2 (http://it.justin.tv/brudus2111#r=sLqdJxw~)
Rai 3 (http://it.justin.tv/mediaitaliatv#r=sLqdJxw~)
Rai International (http://it.justin.tv/thepiratest#r=sLqdJxw~)
Rai 4 (http://it.justin.tv/pro_2#r=sLqdJxw~)
Canale 5 (http://it.justin.tv/solo_tv4)
Italia 1 (http://it.justin.tv/lupo_alberto#r=sLqdJxw~)
Cartoon Network (Italiano) (http://it.justin.tv/jefhs#r=sLqdJxw~)
Sky Sport 3 (http://it.justin.tv/the_riz#r=sLqdJxw~)
Torino-Ascoli (http://it.justin.tv/novachannel#r=sLqdJxw~)

Adesso lanciando Justin.tv e cliccando sul tab Favorites dell’applicazione potremo guardare i canali che abbiamo precedentemente aggiunto direttamente dal nostro iPhone!

La qualità audio-video è davvero stupefacente!

Un ringraziamento particolare al nostro Cristy92 per la guida realizzata per iPhoneItalia.

via iPhoneItalia

MWC 2010: Adobe aggiorna Photoshop Mobile, scaricato da iPhone ben 6 milioni di volte

febbraio 16, 2010 Lascia un commento

Photosp_iphone_mwc
Al MWC di Barcellona, Adobe ha reso noto che l’applicazione mobile di Photoshop per iPhone (su App Store) è stata scaricata 6 milioni di volte. Adobe ha reso disponibile Photoshop.com Mobile per iPhone 1.1. L’azienda aggiorna l’applicazione che consente di vedere, modificare e condividere immagini dal proprio iPhone. Tra le novità, il video playback per gli utenti che caricano video su Photoshop.com: in questo modo gli utenti possono guardare al volo i loro video. Per quanto riguarda l’editing, il nuovo filtro Contrasta permette la rifinitura dei dettagli nelle foto semplicemente trascinando il proprio dito sull’immagine per aumentare o ridurre il contrasto.

Gli utenti, sempre grazie alla tecnologia Touch, hanno la possibilità di scegliere tra otto nuovi bordi artistici che danno un tocco creativo alle foto.

Segui tutte le novità dal Mwc su Blog Eventi

via gizmodo

Apple si svela a fine mese

gennaio 20, 2010 1 commento

Il 27 gennaio a San Francisco potrebbe essere annunciato il tablet di Cupertino tanto agognato. Accompagnato da una nuova versione di iLife e iPhone OS 4.0.

Uno scambio di mail e battute tra un giornalista di Fox News e Apple ha svelato alcuni indizi che possono aiutare a capire cosa è lecito aspettarsi al prossimo evento che la Mela di Cupertino terrà presso lo Yerba Buena Center for the Arts di San Francisco, il prossimo 27 gennaio. Si parla di tablet, iLife e iPhone OS.

Il programma, secondo Fox News, si basa quindi sui tre punti che gli esperti vedono in qualche modo collegati l’un l’altro: il tanto vociferato iSlate dovrebbe fare la sua comparsa ufficiale dopo anni di rumors, e la presentazione della nuova versione della suite iLife confermerebbe i paventati sforzi di Apple per la realizzazione di un device simile.

Sul fronte iPhone, che non è poi così distante da quello del tablet, non dovrebbero esserci invece grosse sorprese: niente modello 4G per ora ma solo la nuova release del sistema operativo del melafonino, iPhone OS 4.0.

Nonostante possa risultare inverosimile, visti i precedenti, che l’evento possa seguire pedissequamente il programma citato da Fox News, l’accostamento di questi tre prodotti, insieme a quella che è stata definita dagli stessi uomini Apple come “una fuga controllata di notizie”, avrebbe un suo senso: il futuro tablet necessiterà di una serie di applicativi, e secondo gli addetti ai lavori iLife si presterebbe perfettamente per questo compito.

La versione 4.0 di iPhone OS si collocherebbe invece in un duplice contesto, che la vede sia come prodroma del nuovo melafonino che come possibile base per lo sviluppo del firmware di iSlate.

Proprio su iSlate convergerebbero i piani di Cupertino per il 2010. Il tablet di Apple si andrebbe a collocare nello stesso spazio di azione di tanti altri modelli di ereader che hanno visto la luce negli ultimi mesi del 2009. Da qui il bisogno di stringere accordi con gli editori per aumentare l’appetibilità del prodotto. Stando a quanto emerso finora, sarebbe in corso una trattativa tra Apple e la casa editrice HarperCollins per mettere a disposizione il catalogo ebook di quest’ultima su iSlate.

Pochi e non confermati i dettagli dei colloqui fra i due soggetti: AppleInsider riporta un prezzo pari a 9,99 dollari per l’acquisto di un bestseller ma non va oltre. Non viene chiarito neanche se verrà utilizzato iTunes Store, il canale preferenziale per gli acquisti di musica e applicazioni, o se verrà creato un circuito ad hoc per i libri digitali.

Ad alimentare le voci che vedono Apple indaffarata a cercare partnership editoriali, per accompagnare il suo tablet, potrebbero aggiungersi alcune speculazioni piuttosto fondate circa la possibilità che il New York Times possa iniziare a richiedere l’obolo per fruire delle sue news da dispositivi mobili. L’applicazione attualmente disponibile per iPhone, quindi, potrebbe presto cambiare conformazione.

Oltre a sondare nuovi spazi di azione, secondo gli analisti Apple dovrebbe continuare a investire sul suo App Store che nel medio termine dovrebbe diventare una ancora più ingente fonte di introiti. Alcune proiezioni per il 2010 riferiscono infatti di 6,8 miliardi di dollari di ricavi totali: estendendo invece lo studio al 2013, quando la penetrazione di iPhone (o iSlate) raggiungerà un livello maggiore, si presume che a Cupertino scorrerà un fiume di denaro derivante dai soli proventi di App Store: 29,5 miliardi di dollari.
via punto.informatico

VLC Remote, un telecomando per VLC Media Player sul vostro iPhone

dicembre 2, 2009 Lascia un commento

Hobbyist Software ha pubblicato su App Store un’applicazione per iPhone che trasforma il melafonino in un telecomando multifunzione per VLC.

Si chiama VLC Remote (link iTunes), costa 2.39 euro e controlla tutte le versioni di VLC, che siano installate su macchine Mac, Windows o Linux.

Oltre ai tasti base (play, pausa, stop, avanti, indietro) VLC Remote consente anche di aprire da remoto qualunque file presenti sul computer collegato. In più, presenta anche qualche piccola chicca extra da scoprire, come la ricerca rapida del titolo dle film visionato su IMDB.

Via melablog