Archivio

Posts Tagged ‘Eee PC’

Asus: obiettivo smartbook per bissare il successo Eee PC

novembre 4, 2009 Lascia un commento

Con il termine smartbook ci si riferisce ad una particolare categoria di computer portatili che riunisce in sé caratteristiche degli smartphone e netbook.

Il colosso taiwanese che ha lanciato la “moda” degli ultra-portatili ha fatto intendere che entro i primi mesi del 2010 lancerà uno smartbook con processore ARM e sistema operativo Android per tentare di replicare l’incredibile successo degli Eee PC. Asus aveva già mostrato un primo prototipo allo scorso Computex, basato sulla piattaforma Qualcomm Snapdragon, che prometteva davvero bene. Il portatile da taschino aveva raccolto un bel po’ di giudizi positivi da parte dei giornalisti ma nonostante ciò Jerry Shen, CEO Asus, aveva dichiarato che si trattava di un progetto a cui la sua azienda aveva dedicato delle risorse limitate visto che allora – e forse ancora oggi – non c’era ancora una chiara risposta da parte degli utenti alla nuova classe di dispositivi. Ma finito l’anno, ne vedremo delle belle.

asus-android-netbook

Fonte: tuxjournal

Et voilà, l’Eee PC è una tastiera

gennaio 8, 2009 3 commenti

Il processore Atom sembra essere una vera fonte d’ispirazione per i produttori di PC, che presso il Consumer Electronics Show (CES) in corso stanno facendo a gara per mostrare device e home computer Atom-based dalle fogge più diverse: alcune realmente originali, altre rivisitazioni di design più o meno collaudati. Tra questi cosi hi-tech si vanno ad inserire gli ultimi computer della serie Eee di Asus, primo tra i quali una tastiera-PC battezzata – non poteva essere altrimenti – Eee Keyboard.

Et voilà, l'Eee PC è una tastieraA livello di design, l’Eee Keyboard è di fatto un notebook privo del classico schermo su cerniere e dotato di una tastiera full-size. Il display, di tipo touchscreen, è incassato sul lato destro della tastiera QWERTY, e la sua diagonale misura 5 pollici: risulta evidente come tale schermo sia stato pensato più come complemento ad un monitor esterno che come dispositivo di visualizzazione principale, soprattutto considerando il suo formato “anomalo”, con orientamento portrait.

Tutta l’elettronica necessaria per il funzionamento del sistema si trova integrata in uno chassis poco più spesso di una tastiera tradizionale, chassis che ospita anche una batteria ricaricabile con autonomia massima dichiarata di circa 8 ore. Nel momento in cui si scrive, Asus non ha ancora rivelato nel dettaglio quali componenti si celino al di sotto della scocca dell’Eee Keyboard, ma si può immaginare come questi siano all’incirca gli stessi utilizzati sui propri netbook. Le funzionalità sicuramente presenti comprendono connettività WiFi, LAN Ethernet, storage SSD, porte USB, uscite audio/video e lettore di schede SD/MMC.

Nonostante la sua fonte di alimentazione autonoma, è chiaro che l’Eee Keyboard non è stato pensato né come sostituto di un netbook né, tantomeno, di un tablet: in mobilità, questo sistema si presta soprattutto per la battitura di testi e di email, e per poco altro. A suggerire la vera vocazione dell’Eee Keyboard è la presenza, sul retro dello chassis, di una porta Wireless HDMI basata sulla tecnologia Ultra-Wide Band (UWB): tale interfaccia permette di trasmettere segnali audio/video digitali, inclusi quelli in alta definizione, a tutti i dispositivi (monitor, televisori, set-top box, proiettori ecc.) dotati di una porta DVI o HDMI e di un apposito modulo di ricezione wireless. Molto più che Eee Box, dunque, il nuovo membro della famiglia Eee si presta ad essere utilizzato come media center domestico o, in ambito business, per la visualizzazione/proiezione di presentazioni e video promozionali.

Sebbene l’esemplare di Eee Keyboard presentato al CES 2009 sia soltanto un prototipo, Asus ha assicurato che il design è praticamente quello definitivo, e la produzione in volumi del dispositivo potrebbe iniziare già a entro la metà dell’anno. In Italia probabilmente non sarà acquistabile prima del prossimo autunno.

Update (ore 11,30): nelle ore sono emersi nuovi dettagli sulle specifiche tecniche dell’Eee Keyboard. Il dispositivo utilizzerà – tanto per cambiare – un processore Atom N270 e disporrà di 1 GB di RAM, un SSD da 16 o 32 GB, Bluetooth 2.0, due porte USB, una porta VGA e una HDMI, un ingresso microfono e una uscita cuffie.

Eee PC T91
Presso il CES 2009 Asus ha anche annunciato un Eee PC con display touchscreen, il T91, che adotta un design convertibile: in altre parole, il monitor può ruotare e richiudersi al di sotto dello chassis per trasformare il T91 in un tablet.

Il nuovo Eee PC touchscreen di Asus è simile, per certi aspetti, al netbook convertibile M912 che Gigabyte ha presentato la scorsa estate. Entrambi i laptop sono dotati di schermo da 8,9 pollici touchscreen, processore Atom, 1 GB di memoria, e sistema operativo Windows XP Home (o in alternativa Vista Home, nel caso dell’M912) con interfaccia proprietaria sensibile al tocco. Ciò che però distingue il T91 dal suo più diretto avversario è l’integrazione di un ricevitore GPS e di un sintonizzatore TV e radio FM.

Con il T91, Asus ha di fatto traghettato nel segmento dei mini notebook caratteristiche che oggi sono tipicamente offerte nei dispositivi mobili hi-end più compatti, come gli smartphone: sarà interessante vedere se il produttore taiwanese “chiuderà il cerchio” lanciando, in futuro, un modello analogo dotato anche di modem 3G integrato.

A distinguere ulteriormente il T91 dall’M912, come anche dalla stragrande maggioranza dei netbook oggi sul mercato, c’è poi la CPU: sebbene si tratti di un Atom, il modello non è l’onnipresente N270 a 1,6 GHz che anima la stragrande maggioranza dei netbook, ma lo Z520. Questo chip si contraddistingue dal cugino per avere un clock di 1,333 GHz, un TDP di 2 watt (mezzo watt in meno) e il supporto alla tecnologia di virtualizzazione Intel VT. Con questa scelta Asus ha sacrificato qualcosa sul piano delle performance per migliorare l’autonomia, probabilmente anche per compensare l’assorbimento energetico supplementare del display touchscreen e dei componenti aggiuntivi, quali il ricevitore GPS.

Come dispositivo di storage, il nuovo mini laptop potrà utilizzare sia dischi a stato solido che hard disk.

Del T91 esisterà anche un modello con schermo da 10 pollici chiamato T101H. Questo netbook condividerà tutte le caratteristiche base del fratello minore, ma avrà l’onere/onore di proporre al pubblico un nuovo tipo di tastiera, all’apparenza molto simile a quella impiegata da Apple sui MacBook: i tasti avranno una sagoma più squadrata, con un profilo verticale che emergerà dal case e che, di conseguenza, donerà loro una corsa più lunga. Asus afferma che questa keyboard trasmetterà all’utilizzatore un miglior feeling, migliorando il comfort e la velocità di battitura.

Asus ha detto che l’Eee PC T91 raggiungerà il mercato tra un periodo di tempo compreso fra i tre e i sei mesi. Il T101H dovrebbe seguirlo a breve distanza.

Ultra Slim Mobile Notebook S121
Asus, “inventrice” del netbook, sembra confermare la tesi di AMD: sul mercato c’è posto anche per PC ultraportatili che, benché ispirati ai netbook, vantano schermi più grandi e maggiori risorse hardware a disposizione. Il primo esempio firmato Asus di questa nuova categoria di dispositivi è l’S121, con display da 12 pollici.

Asus definisce l’S121 un “Ultra Slim Mobile Notebook”, rimarcando dunque il fatto che, benché molto simile ad un Eee PC, l’S121 appartiene ad una categoria di laptop tutta sua, indirizzata ad un pubblico tipicamente più esigente. Questo primo modello di notebook ultrasottile integrerà la piattaforma Atom-based Menlow, un SSD da 128 GB (affiancato, eventualmente, da un hard disk), una tastiera full-size, processore Atom Z520, 1 GB di RAM, webcam VGA, connettività WiFi 802.11n, lettore di schede SD/MMC e sistema operativo Windows XP Home o Linux. In futuro Asus conta di estendere la capacità del disco flash a 512 GB.

Il sistema includerà anche la tecnologia Express Gate già vista sugli Eee Box, che permette di accedere quasi istantaneamente ad un ambiente Linux-based studiato ad hoc per la navigazione su Internet.

Prezzo e disponibilità sul mercato dell’S121 saranno annunciati più avanti.

Fonte: punto-informatico

Aspire One: presto netbook con display da 10 pollici

novembre 27, 2008 Lascia un commento

Tra i tanti competitor dell’Eee PC, l’Aspire One risulta essere sicuramente uno dei più blasonati. A livello di vendite, poi, riesce anche a fare qualcosa in più rispetto al diretto avversario. Un incredibile successo che l’azienda tenterà di bissare con la nuova versione del suo gioiellino con display da 10 pollici.

Scott Lin, presidente di Acer Taiwan, ha pubblicamente affermato che entro marzo 2009 faranno la loro comparsa sul mercato i primi netbook Aspire One con display da 10 pollici. Allo stesso modo dei modelli da 8.9 pollici, i nuovi gioiellini avranno un modulo 3.5G integrato e molto probabilmente anche le stesse caratteristiche hardware. Ricordiamole: processore Intel Atom a 1.6GHz su una scheda madre Intel 945GSE, 8GB di memoria flash o, in alternativa, un hard disk da 80GB. 512MB di memoria RAM nella versione con GNU/Linux e 1GB nella versione con Windows XP. La connettività è assicurata dai moduli Wi-Fi 802.11 b/g e Ethernet. Completano la dotazione un lettore di memory card Secure Digital 5-in-1, MultiMediaCard, XD-Picture, Memory Stick e Memory Stick PRO.

Lin ha inoltre affermato che attualmente sul mercato mondiale Acer riesce a vendere tra i 10.000 e i 20.000 netbook al mese. Tuttavia l’azienda ha anche fatto sapere che lancerà presto nuovi portatili con display da 14,1, 12.1, 13.3 e 15,6 pollici. Il tutto entro il 2009, ma non chiedeteci i prezzi. Vogliamo però porvi una domanda: per un acquisto di un nuovo netbook quale scegliereste tra Eee PC e Aspire One?

Fonte: tuxjournal

Ecco le Eee PC touchscreen

ottobre 14, 2008 Lascia un commento


Tutte le promesse riguardo al fatto che Asus avrebbe rilasciato una versione touchscreen dell’Eee PC entro la fine di quest’anno sono state completamente rispettate. Ecco le caratteristiche di questo Eee touchscreen tutto-in-uno che potete prenotare in Inghilterra per 399.99£ (506 euro): processore Atom Intel 1.6GHz, 1GB di RAM, 160GB di hard drive e 15 pollici di schermo con Windows XP. Possiamo solo immaginare come potrebbe essere l’esperienza touch su questo dispositivo, ma per la verifica non ci resta che aspettare il 20, quando dovrebbe uscire davvero.

Aggiornamento: Si chiamerà Eee Top e negli USA costerà solo 335 euro (450$), il che suona già più simile ad un buon affare. Non sappiamo quando uscirà, e a che prezzo, in Italia.

Fonte: gizmodo

Sì, l’Eee PC avrà il touchscreen. E non solo

ottobre 10, 2008 1 commento

Asus ce l’ha in mente da tempo, e all’inizio del prossimo anno lo trasformerà finalmente in un prodotto concreto. Si stratta dell’Eee PC con schermo touch, sul quale sin dalla scorsa primavera si accavallano le indiscrezioni.

il dispositivoAd annunciare la novità è stato il general manager di Asus per l’Eee PC, Samson Hu, che ha collocato il lancio del primo Eee PC con schermo sensibile al tocco al primo trimestre del 2009. L’azienda taiwanese spera che il touchscreen possa contribuire a differenziare i propri netbook dai sempre più numerosi concorrenti, e incrementare ulteriormente la propria quota di mercato nel settore.

Il sito DigiTimes riporta che Asus non avrebbe ancora definito nei dettagli l’identità del primo Eee PC touch: prima di azzardare un qualsiasi passo, l’azienda sembra voler valutare attentamente gli attuali trend di mercato.

C’è chi ipotizza che il nuovo modello potrebbe adottare un design alla “Tablet PC”, ma è difficile immaginare un dispositivo di questa categoria con costi da netbook: se Asus riuscisse nel “miracolo”, darebbe certamente una bella scossa all’intero mercato dei laptop.
Qualcuno sostiene inoltre che gli Eee PC touchscreen saranno i primi della loro categoria a far girare Windows Vista, o quanto meno una versione ai minimi termini di questo sistema operativo. Per il momento, tuttavia, Asus tiene la bocca ben cucita su questo dettaglio.
Stando a quanto rivelato lo scorso anno da Kevin Lin, vice presidente alle vendite di Asus, la prossima generazione di Eee PC adotterà l’ormai collaudatissima ed economica tecnologia touchscreen resistiva, che dovrebbe incidere sull’attuale costo di produzione in modo marginale: si parla di circa 10 dollari in più per singolo laptop.
L’introduzione di un Eee PC con schermo sensibile al tocco lascia supporre che Asus aggiungerà il supporto a questa tecnologia anche all’interfaccia utente di Xandros Linux. A meno che il produttore non scelga, ma è assai improbabile, di estromettere Linux da questa tipologia di sistemi.
Asus conta di presentare l’Eee PC touchscreen in occasione dell’importante fiera hi-tech CES 2009, in programma a Las Vegas dall’8 all’11 gennaio prossimi.
Hu ha poi rivelato che Asus introdurrà i primi netbook basati sull’Atom dual-core non appena Intel avvierà la produzione in volumi di questo chip. Il dirigente non ha fornito alcuna data di commercializzazione, ma è probabile che anche queste nuove incarnazioni dell’Eee PC arriveranno sul mercato all’inizio del prossimo anno.
A circa un anno di distanza dal lancio del suo primo mini notebook, il 701, Asus non ha più introdotto un modello altrettanto economico. Questa scelta è stata spesso criticata dai consumatori, e soprattutto da chi ritiene che i netbook abbiano senso di esistere solo come soluzioni ultraportatili a basso costo. Pare che il produttore taiwanese accontenterà questa fascia di utenti il prossimo anno, lanciando un Eee PC con prezzo inferiore ai 10mila dollari taiwanesi (circa 225 euro). Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente di Asus, Jerry Shen, che non ha però rivelato alcun dettaglio sul prodotto.
È assai probabile che il futuro Eee PC low cost conserverà lo stesso display da 7 pollici del modello 701, ma rispetto a questo monterà un processore Atom, 1 GB di memoria RAM, un SSD con maggior capacità ed eventualmente Bluetooth.
Mercato
Grazie all’Eee PC, Asus sta scalando sempre più posizioni nel mercato dei notebook, e conta di mettere presto sotto pressione anche le due leader Dell e Lenovo.
A dare una nuova spinta alle vendite di Asus sarà l’appena annunciato Eee PC S101, di cui questo mese l’azienda prevede di vendere 50mila unità. Entro la fine dell’anno Asus stima che l’S101 rappresenterà, da solo, il 10% di tutte le vendite mensili di Eee PC.
Nei primi tre trimestri dell’anno Asus ha venduto quasi 3 milioni e mezzo di Eee PC, e conta di chiudere il 2008 raggiungendo i 5 milioni di unità.
Maggiori dati sono riportati in questo articolo di DigiTimes.
EeeStick
Più volte si è sottolineata la somiglianza tra l’Eee Box e Wii, ma da oggi tale somiglianza non si ferma solo al design. Negli scorsi giorni Asus ha infatti ufficialmente lanciato EeeStick, un controller wireless che racchiude all’incirca le stesse funzionalità dei famosi controller di Nintendo Wii: il Wii Remote e il Nunchuk. Tale dispositivo, da solo, ha le potenzialità per trasformare l’Eee Box in una vera e propria console da gioco, il cui unico limite è oggi rappresentato dalle scarse potenzialità in ambito grafico. Ma in futuro…

Fonte: punto informatico

Netbook, Dell scende in campo

settembre 7, 2008 Lascia un commento

Il primo netbook di Dell, denominato Inspiron Mini, è finalmente pronto per affrontare l’Eee PC di Asus e i suoi sempre più numerosi avversari.

Il primo modello del nuovo cucciolo di Inspiron risponde all’appellativo di Mini 9, e come suggerisce il nome è caratterizzato da un display con diagonale di 8,9 pollici: ha una risoluzione di 1024 x 600 pixel e un sistema di retroilluminazione a LED.

Le altre caratteristiche tecniche dell’Inspiron Mini non si discostano da quanto già visto in molti prodotti concorrenti: processore Atom N270 a 1,6 GHz, disco a stato solido, chipset grafico Intel Graphics Media Accelerator (GMA) 950, memoria RAM DDR2, connettività WiFi e Bluetooth (quest’ultima opzionale), batteria a 4 celle, e sistema operativo a scelta tra Windows XP Home e Ubuntu Linux 8.04. Il tutto in un peso di circa 1 chilogrammo.

Negli stati Uniti le versioni di Inspiron Mini 9 già in commercio sono tre: una da 349 dollari, con Ubuntu, 512 MB di RAM e SSD da 4 GB; una da 399 dollari, che si differenzia dalla precedente per l’adozione di Windows, di un SSD da 8 GB e di una webcam da 0,3 MPixel; ed una da 449 dollari, anch’essa con Windows pre-installato ma caratterizzata da un SSD da 16 GB e 1 GB di memoria RAM.

In perfetta tradizione Dell, la configurazione dei tre modelli base del Mini 9 può essere personalizzata al momento dell’ordine: è pertanto possibile scegliere il colore (nero o bianco), la quantità di RAM (fino a 1 GB), la capacità dell’SSD (fino a 16 GB), l’aggiunta del modulo Bluetooth e della webcam (da 0,3 o 1,3 MPixel).

Immediatamente disponibile online in USA, Gran Bretagna, Irlanda, Francia, Germania e Austria, in Italia e Spagna Inspiron Mini 9 sarà invece disponibile a partire dal mese di ottobre. Qui il modello Linux-based partirà da un prezzo di 349 euro, mentre quello con Windows da 399 euro (IVA inclusa).

Dell ha specificato che l’interfaccia di Ubuntu 8.04 è stata personalizzata per meglio adattarsi alle esigenze del tipico utente di netbook: è simile a quella dell’Eee PC, con grandi icone suddivise per tipologia delle applicazioni (giochi, Web, multimedia ecc.).

Le fonti interpellate lo scorso luglio da DigiTimes stimano che quest’anno Dell venderà tra i 2 e i 3 milioni di esemplari del suo mini notebook. In questo stesso arco di tempo Asus conta di vendere circa 3 milioni di Eee PC, centrando così l’obiettivo prefissato di 5 milioni di unità vendute per la fine del 2008.

Fonte: punto informatico

Un Commodore in formato Eee PC

settembre 3, 2008 1 commento

Il “mitologico” marchio Commodore, che lo scorso anno ha fatto la sua apparizione su set-top box e media player connessi ad Internet, è stato ora applicato ad un netbook in stile Eee PC. Si tratta dell’UMMD 8010/F, un altro dispositivo con cui Commodore International Corporation (CIC tenta di corteggiare i nostalgici del celebre logo C=.

L’UMMD 8010/F è stato presentato in occasione della fiera berlinese IFA e, a parte lo sfoggio del logo Commodore, non sembra fare molto per distinguersi dai suoi numerosi concorrenti. Il sistema utilizza un display da 10 pollici, un hard disk da 80 GB, una memoria RAM di 1 GB, una webcam da 1,3 megapixel e connettività WiFi/Bluetooth integrata. La differenza più importante con gli Eee PC della serie 1000 è data dal processore, qui costituito da un C7-M di VIA a 1,6 GHz.

Il netbook di Commodore, che sarà disponibile nelle colorazioni nera, grigia, bianca e rosa, dovrebbe debuttare sul mercato britannico verso la fine del mese ad un prezzo intorno alle 325 sterline, pari a circa 400 euro. Per il momento non è ancora stato annunciato se e quando l’UMMD 8010/F raggiungerà il mercato nostrano.

Fonte: punto informatico