Archivio

Posts Tagged ‘KDE’

KDE 4.4 includerà il supporto a PulseAudio per Phonon

novembre 24, 2009 Lascia un commento

PulseAudio Tra le feature previste per KDE 4.4 ce n’è una in particolare che merita una maggiore attenzione: Colin Guthrie – uno sviluppatore scozzese – ha annunciato con entusiasmo che il suo lavoro su Phonon (il framework multimediale di KDE 4.x) è stato inserito nel trunk.

Colin ha sviluppato il supporto a PulseAudio, il server audio predefinito di GNOME: la distribuzione su cui ha lavorato è Mandriva – che pure ultimamente non gode di una grande popolarità – e fino al rilascio di PulseAudio 0.9.21 era necessario reperire una patch dall’archivio SVN di quest’ultima perché funzionasse.

Ora il codice dovrebbe essere sufficientemente “pulito”, tant’è che è stato incluso ufficialmente nel ramo di sviluppo della prossima versione di KDE — di cui, ricordo, la beta è prevista entro qualche giorno: i vantaggi derivanti dal lavoro di Colin riguardano maggiori possibilità d’interazione tra le applicazioni native per KDE e quelle per GNOME.

Via ossblog

Annunci

Nokia KOffice Viewer per il Maemo N900

settembre 28, 2009 2 commenti

KOffice Viewer per Maemo

KOffice sbarca su Maemo, quindi sui prodotti Nokia che supportano  questo sistema operativo Linux-Based. A dirlo non il team di KOffice, e non si tratta nemmeno di un lavoro di pochi ardimentosi che hanno deciso di fare il porting di KOffice su questa piattaforma. No, niente di questo. A dirlo è Nokia stessa, e precisamente nella persona di Thomas Zander dei Qt-Labs.

Nokia ha preparato un package di KOffice per l’ambiente Maemo 5, con una nuova interfaccia. Questo significa che KOffice può essere eseguito sul nuovo dispositivo Maemo N900. Giusto per essere precisi, questo (ndr package di KOffice) non è un prodotto commerciale di Maemo, ma è il contributo di Nokia all’Open Source. L’applicazione sviluppata sarà resa disponibile per il download… Questa versione può contenere bug. (Thomas Zander)

Stando a quanto riportato nel post di Thomas Zander l’obiettivo di Nokia è quello di mostrare il KOffice Viewer al prossimo Maemo Summit di Amsterdam che si terrà tra il 9 e l’11 del mese di ottobre 2009. Ci si rammarica di non poter mostrare KOffice 2.1, attualmente in Beta, ma appena possibile verrà fatto.

Inge Wallin, coordinatore del marketing di KOffice, ha subito replicato all’annuncio di Thomas Zander con un breve post di felicitazioni. Certamente lui e il resto del team di KOffice saranno entusiasti circa il risultato raggiunto, che corona anni di intenso lavoro, sacrifici, e anche difficoltà.

Si apprende, quindi, che Nokia ha non solo effettuato il porting di KOffice su Maemo ma anche contribuito a migliorare il prodotto. In particolare i Qt-Labs hanno perfezionato la compatibilità con i formati Microsoft Office. Tutto il lavoro è ora presente nel Subversion di KOffice/wv2 ed è quindi tracciabile, visibile e accessibile a tutti. Anche la User Interface preparata esclusivamente su Maemo è stata rilasciata come componente Open Source.

La collaborazione non finisce qui, per il futuro sia Nokia che KOffice continueranno a lavorare insieme. Insomma, ne vedremo delle belle.

Fonte: oneopensource

Caizen è KDE 4.3.0

agosto 6, 2009 2 commenti

kde 4.3.0 screen

Kde.org ha ufficializzato il rilascio della nuova release del popolare Desktop Environment: il suo nome è Caizen con riferimento ad una filosofia giapponese basata sul continuo miglioramento di tutti gli aspetti della vita.

Il team di sviluppo si è focalizzato per questa release nel miglioramento della pulizia dell’intefaccia grafica lavorando su una migliore integrazione dei vari componenti di KDE:

  • Plasma e Kwin lavorano in maniera molto più integrata; è inoltre possibile avere diversi set di widget e wallpaper per ogni desktop virtuale. e’ stato infine sviluppato il nuovo tema Air molto piu leggero di Oxygen;
  • dal lato delle applicazioni sono state importate alcune metodologie di interfaccia del vecchio kde 3 come la viste ad albero per i system settings;
  • la piattaforma di sviluppo di KDE è stata resa piu leggera, piu veloce e snella e al contempo piu completa, con plugin per la geo-localizzazione, e librerie che consentono la profilazione delle esecuzioni di certe azioni nelle applicazioni.

Il rilascio di KDE 4.3.0 sarà seguito dai consueti rilasci mensili per bugfix e aggiornamenti delle traduzioni. Tutti i dettagli della nuova release sono reperibili nell’annuncio ufficiale.

Fonte: ossblog

KOffice 2 sfida OpenOffice anche su Windows

giugno 3, 2009 1 commento

La scorsa settimana ha visto la luce KOffice 2.0.0, nuova major release di una delle più diffuse suite per l’ufficio open source per Linux. Nato in seno alla celebre comunità KDE, il cui software più famoso è rappresentato dall’omonimo desktop environment per Unix, KOffice mira ora a farsi strada su piattaforme differenti da quella nativa, quali Windows e Mac OS X. A renderlo possibile è l’utilizzo di Qt4, un toolkit multipiattaforma che permette di fare girare le applicazioni KDE sui principali sistemi operativi.

Gli sviluppatori affermano che KOffice 2.0.0 rappresenta il frutto di oltre tre anni di lavoro, tempo richiesto dalla migrazione del codice verso le librerie Qt4 e KDE 4 e alla riscrittura di ampie porzioni del motore alla base delle applicazioni di KOffice.

“Nei recenti anni il team di KOffice ha rimesso mano al codice del proprio framework rendendolo più agile e flessibile”, si legge nell’annuncio ufficiale di KOffice 2.0.0. “Il nostro obiettivo era quello di incrementare l’integrazione tra i diversi componenti di KOffice, ridurre le funzionalità duplicate e semplificare la manutenzione e lo sviluppo di nuove feature”. Oltre a ciò, gli sviluppatori affermano di aver apportatoimportanti migliorie all’interfaccia utente della suite, che promette ora di essere più attraente e facile da usare.

Sebastian Kugler, sviluppatore di KDE, sotiene che la possibilità di far girare KOffice anche su Windows andrà soprattutto a beneficio delle aziende che utilizzano un’infrastruttura di computing eterogenea, e che possono così fare di KOffice o di una soltanto delle sue applicazioni una soluzione comune per tutti i propri client. Un altro vantaggio, secondo il portavoce, è che il progetto potrà attrarre a sé anche gli sviluppatori di piattaforme diverse da Linux.

Ma attenzione, perché KOffice 2.0.0 è considerata dai suoi creatori una versione d’anteprima, e come tale rivolta soprattutto a sviluppatori e tester. “Non è indirizzata agli utenti finali, e ne sconsigliamo l’utilizzo come suite per l’ufficio predefinita all’interno delle distribuzioni Linux”, si legge nel comunicato di KDE.

Gli sviluppatori di KOffice hanno dunque deciso di seguire il controverso modello di sviluppo introdotto con KDE 4, dove la versione x.0.0 non rappresenta la prima release matura di un software, ma una sorta di technology preview ancora da completare e rifinire. Questo modo di procedere non piace a tutti: c’è infatti chi sostiene che pubblicare versioni ancora incomplete di un software senza specificare (nel nome) che si tratta di release preliminari rischia di generare confusione, specie tra gli utenti finali.

KOffice 2.0.0 viene definito dai suoi autori una “platform release”, intendendo con questo termine una base sufficientemente stabile di codice capace di fornire un’anteprima delle principali novità del nuovo software. Il team di sviluppo specifica altresì che KOffice 2.0.0 non contiene ancora tutte le funzionalità e le applicazioni presenti nella versione 1.6: ciò che manca sarà introdotto con le future release 2.1 e 2.2.

Polemiche a parte, una delle maggiori novità di KOffice 2 è rappresentata da Flake Shapes, un motore grafico condiviso da tutte le applicazioni della suite che permette di combinare in un singolo documento – sia esso un file di testo, una presentazione o un foglio di calcolo – immagini bitmap, grafici, diagrammi di flusso o spartiti di musica.

Come anticipato, KOffice 2 porta inoltre con sé una interfaccia grafica utente (GUI) in gran parte rivista, che tra le altre cose è accreditata di sfruttare al meglio l’area di lavoro offerta dagli odierni monitor wide-screen. La nuova GUI si compone di uno spazio di lavoro centrale e di una barra laterale a cui è possibile ancorare nuovi strumenti e riposizionarli a piacimento.

L’altra importante novità di KOffice 2 è data dall’adozione di OpenDocument, il cui supporto è presente fin dalla versione 1.5, come formato predefinito della suite: ciò dovrebbe ulteriormente migliorare l’interoperabilità di questo software con OpenOffice e le altre suite per l’ufficio compatibili con ODF.

KDE Project definisce KOffice come “la più completa suite per l’ufficio in circolazione”: questa consiste di una decina di applicazioni, tra le quali l’elaboratore di testi KWord, il foglio di calcolo KSpread, il programma per la creazione di presentazioni KPresenter, l’editor di grafica vettoriale Karbon14, il nuovo editor per la grafica bitmap Krita e il programma per la gestione dei progetti KPlato. A questi si aggiungerà, probabilmente a partire da KOffice 2.1, anche l’applicazione per il data management Kexi, concepita come alternativa a Microsoft Access e FileMaker.

I pacchetti binari di KOffice 2 possono essere scaricati da qui per alcune delle principali distribuzioni Linux, tra le quali Ubuntu.

Nella roadmap di KOffice 2 il rilascio della versione 2.1 è previsto per ottobre: nel frattempo dovrebbero vedere la luce almeno tre release di manutenzione.

Fonte: punto-informatico

Rilasciato KDE 4.3 Beta 1

maggio 14, 2009 1 commento

Plasma su KDE 4.3.0 beta1

Puntuale rispetto alla tabella di marcia, il Team di KDE ha annunciato ieri il rilascio della prima Beta di KDE 4.3, anteprima della versione stabile prevista per la fine di luglio.

Gli sviluppatori hanno concentrato i lavori sull’integrazione di nuove tecnologie, tra cui PolicyKit e i servizi di geolocalizzazione, e migliorato ulteriormente l’esperienza utente introducendo dei nuovi effetti grafici per il window manager KWin e vari addons per Plasma.

Un elenco completo e dettagliato delle novità è disponibile sul sito ufficiale di KDE. La prossima tappa dello sviluppo è fissata per il 9 giugno, data in cui si prevede l’uscita della Beta 2.

Fonte: Ossblog

Cano è la nuova Kde 4.2.2

<!– –>

kde screen

Annunciato il rilascio della versione 4.2.2 di KDE, che ha come nickname “Cano”:il luogo in cui il mese scorso si è tenuta la prima conferenza Nigeriana sul Software Libero.

Come tutte le minor-release non contiene grosse novità dal punto di vista delle funzionalità, ma porta con se numerosi bugfixing; tra questi vi sono un gran numero di fix per KHTML, un doveroso lavoro di stabilizzazione per KRunner e infine sono state introdotte nuove funzionalità in kmail.

La lista completa dei bugfixing è disponibile nel changelog ufficiale. Includendo sostanzialmente solo bugfixing, aggiornamenti per le traduzioni e miglioramenti di performance l’update può essere tranquillamente installato su qualsiasi versione 4.2.1.

Fonte: Ossblog

Avviso ai linuxisti: è uscito KDE 4.2.0

febbraio 4, 2009 3 commenti


Se tra voi ci sono utenti Linux (e sinceramente, ce lo auguriamo) ecco una notizia che potrà interessarvi. La comunità KDE ha appena rilasciato la versione 4.2.0 dell’ambiente desktop più diffuso tra gli aficionados del pinguino. Non che ci siano strabilianti o rivoluzionarie novità rispetto alla versione precedente, ma i miglioramenti che hanno apportato sono decisamente interessanti. “The Answer”, questo il nome in codice della nuova release di KDE, è pensata per essere di facile utilizzo e accessibile anche ad utenti non troppo esperti. L’interfaccia Plasma, ad esempio, permette una gestione dell’ambiente di lavoro più pratica, con funzioni come QuikLaunch che consente di lanciare le applicazioni in tempi ridottossimi e poi una stazione meteorologica, un lettore di notizie via RSS, un lettore di fumetti e anche un’applet per condivisione testo tramite servizi di tipo “pastebin”. Le applet di Plasma possono ora essere utilizzate anche sopra il salvaschermo, per esempio per farsi lasciare una nota quando si è assenti.

Il pannello di Plasma, poi, supporta il raggruppamento delle applicazioni e la visualizzazione su più righe. In KDE 4.2, grazie all’utilizzo di modelli di fisica dinamica le animazioni delle finestre, sia quelle vecchie che quelle implementate più di recente come “Cubo” e “Lampada magica”, hanno dei movimenti naturali, fluidi e molto, molto gradevoli. KWin, il gestore delle finestre, adesso può abilitare automaticamente gli effetti grafici solo sulle schede che lo supportano.

Una configurazione facilitata permette agli utenti di scegliere e configurare gli effetti che preferiscono in una maniera facile ed intuitiva. PowerDevil, poi, permette una gestione dell’energia disponibile ottimizzata per avere le migliori prestazioni possibili anche dai notebook. Naturalmente, KDE 4.2.0 è open source e, se volete, potete scaricare il codice sorgente e ricompilarlo a vostro piacimento. Ma se volete semplicemente scaricarlo e installarlo, potete andare direttamente a questa pagina.

Fonte: gizmodo

Categorie:Linux Tag:, , ,