Archivio

Posts Tagged ‘Curiosità’

Vivreste vicino ad una PS3 a 50 piani?


Vi piacerebbe se costruissero nella vostra città un centro commerciale a forma di gigantesca DS? Ad un certo Joseph Ford pare di sì, come dimostra in una serie di sue fotografie della serie “Se fossi presidente”. E questa DS da città, non sarebbe l’unica costruzione a console che farebbe.

La Playstation 3 non sarebbe male davvero. E in realtà esistono già molti edifici costruiti in maniera decisamente simile, il che dimostra che realizarne uno più “fedele” all’originale non sarebbe poi una cosa così difficile.

E voi quale preferite? E noi uno chalet a forma di NES non dispiacerebbe affatto. Joseph, se ti candidi avrai il nostro voto.

via gizmodo

MapEnvelope: creare buste da lettera con le mappe di Google

marzo 3, 2010 1 commento

MapEnvelope è un servizio gratuito che sfrutta Google Maps per creare delle buste da lettera con un luogo a scelta.

Creare la propria busta è semplice: basta inserire un indirizzo e un messaggio personalizzato in corrispondenza del marcatore e cliccare su “Preview” per ottenere il modellino pieghevole della busta da stampare.

A questo punto basterà ritagliare, piegare ed incollare la busta (con la mappa di Google rivolta verso l’interno) e spedirla via posta ai propri amici che potranno avere una cartina con cui raggiungere facilmente il luogo indicato.

Un servizio divertente più che utile, ma comunque da provare.

via ilarialab

Il laptop XO-3 è pronto: serve solo un produttore

febbraio 5, 2010 Lascia un commento

OLPC XO-3 Che Nicholas Negroponte avesse in mente un prodotto che fosse simile a un e-book reader, ma che avesse tutte le peculiarità di un laptop già annunciato in novembre, quando l’iPad era poco più di un rumor insistente tra i fanboy di Apple. A ridosso del Natale – e più precisamente il 22 dicembre – e perciò con un mese d’anticipo rispetto al keynote che ha presentato il “rivoluzionario” tablet di Cupertino era apparsa una prima immagine di quello che sarebbe dovuto essere l’XO-3.

Ad oggi il device (di cui è possibile visionare una galleria d’immagini su Forbes) è pronto e basterebbe trovare un produttore disposto a serializzarlo e metterlo sul mercato alla cifra record di $75. Per quanto non si tratti di un problema da poco, non è il maggiore che il team di Negroponte deve affrontare: per quanto appaia deprimente la situazione è soprattutto politica e riassumendo si può sostenere che OLPC debba aspettare che le multinazionali abbiano speculato sui propri tablet per poterlo introdurre.

È per questo che la release schedule della serie XO – nonostante il prodotto sia già pronto – subirà ulteriori slittamenti: la disponibilità di un prodotto come l’XO-3 (che si sarebbe dovuto chiamare XO-2 ed esordire il mese scorso) destabilizzerebbe il mercato, “uccidendo” la concorrenza. Per evitare danni ad Apple e a Google, che sta predisponendo la sua risposta all’iPad, sono stati imposti dei limiti che per il solo brevetto triplicherebbero i costi di produzione di XO-3. Per farla breve la rivoluzione di Negroponte dovrà aspettare almeno il 2012 perché Apple possa vendere iPad a 800€ ca. in Europa e Google faccia qualcosa di simile.

via ossblog

Wolfram|Alpha è pronto per le olimpiadi invernali

gennaio 30, 2010 2 commenti

Vancouver 2010 Winter Olympics Se dei giochi olimpici invernali di Vancouver 2010 che inizieranno tra poco più di due settimane si è già occupato (e continuerà a parlare) Outdoorblog.it, c’è un aspetto intrigante che è squisitamente geek e arriva nientemeno che da Wolfram Alpha: il noto motore di ricerca computazionale si è preparato appositamente per l’occasione.

Tanto che in un intervento apparso mercoledì sul blog ufficiale di Wolfram Alpha si spiega come siano state aggiunte informazioni statistiche sulle passate edizioni delle olimpiadi estive e invernali: l’iniziativa ha già raccolto commenti entusiastici e feedback per il miglioramento delle query — come la possibilità di comparare due team nazionali.

Al momento è possibile interrogare il database del motore di ricerca con dozzine di domande differenti che riguardano il medagliere di una nazione o, di una specialità olimpica definita: sono davvero molte le combinazioni in questo senso. In alternativa si possono ottenere dati sul singolo atleta e sulla sua partecipazione, oppure domandare dove si terranno le olimpiadi in un anno specifico.

downloadblog

La prima fotocopiatrice 3D in vendita a 12 mila euro

gennaio 27, 2010 Lascia un commento

La fotocopiatrice 3D Photosimile 5000 di Ostery ha impiegato due anni ad essere messa in vendita da quando l’abbiamo vista per la prima volta, nel lontano 2008, in grado di riprodurre repliche 3D digitali di qualsiasi oggetto vi si ponesse all’interno. Pensate alle potenzialità!

Una volta che l’oggetto è posto all’interno della fotocopiatrice sul tavolino girevole, una Canon DSLR scatta foto a 360 gradi, con quattro lampadine che garantiscono 6500k di illuminazione finché non sono state scattate le 72 foto previste.

Collegata ad un PC via USB, le immagini vengono salvate in formato GIF o in file Flash e poi trasferite al software Photosimile. Se avete già l’acquolina in bocca e avete deciso che assolutamente non potete farne a meno, prendete appuntamento con il direttore della vostra banca, perché la prima fotocopiatrice 3D della storia costa 17.000$ (12.000 euro circa).

via gizmodo

Il mini generatore eolico per il giardino di casa

gennaio 22, 2010 3 commenti


Questo generatore eolico sembra proprio una buona idea. Piazzatelo in un luogo ventoso e riuscirà ad ottenere energia sufficiente ad alimentare gadget e piccoli dispositivi.

Ha un bel design, oltre tutto, e quando non vi serve, potete ripiegarlo su se stesso e riporlo in un angolino. Il piede, però, non sembra molto stabile per un oggetto che deve stare al vento, considerato che non è previsto che si pianti nel terreno. E dal momento che è fatto di alluminio, temiamo che se dovesse arrivare una raffica di vento più forte (proprio quello che serve dal punto di vista energetico) volerebbe via come una foglia secca.

L’idea è un progetto realizzato collettivamente dai designer Marcos Madia, Sergio Ohashi e Juan Manuel Pantano e considerato che non è ancora un prodotto reale, può ancora essere migliorato, giusto?
via gizmodo

Linux.com ti aiuta a trovare lavoro

gennaio 19, 2010 130 commenti

Linux Jobs

Una domanda che si pongono in molti è come sia possibile trarre guadagni con l’open source: rispondere è tutt’altro che scontato, benché chi abbia a che fare con l’ambiente non trovi difficoltà a spiegare le ragioni che l’hanno indotto a questa opzione — ormai “sdoganata”, col rammarico di molti, dall’idillio arcadico della mera filosofia no-profit e del free software.

A prescindere dall’annosa querelle, da qualche giorno è possibile trovare lavoro con Linux.com anche se non si hanno possibilità di fondare una propria startup e diventare imprenditori nel venture capitalism. È un’iniziativa di The Linux Foundation — che personalmente trovo eccezionale, anche se gran parte delle offerte di lavoro sono all’estero.

In sostanza la fondazione mantiene una sezione informativa sul proprio sito che permette di consultare – in pochi semplici clic – le offerte di lavoro disponibili per il kernel di Linux o, in generale per inserirsi in una delle principali aziende che lavorano sul sistema operativo. Consiglio di darci un’occhiata.

via ossblog