Archivio

Posts Tagged ‘DEB’

CloudCompare disponibile la v2.5.0

luglio 15, 2013 3 commenti

CloudCompare si aggiorna alla versione v2.5.0 / QT rilasciata il 12 luglio. Ricordiamo che Cloud Compare, è un software per l’elaborazione delle nuvole di punti e delle mesh è stato originariamente progettato per eseguire il confronto tra due nuvole di punti 3D o tra una nuvola di punti ed una maglia triangolare.

CloudCompare è un software molto potente ed Open Source capace di aprire e salvare in diversi formati, come BIN, ASCII, PLY, OBJ, VTK, LAS, E57, OUT, PCD, SOI, PN, PV, ICM, mentre permette il salvataggio per le nuvole di punti in BIN, ASCII, PLY, LAS, E57, VTK, PN, PV, PCD mentre per le mesh in OBJ, PLY, VTK, MAYA (ASCII).

Nelle note di rilascio si specifica che anche questa volta le novità sono tante, tra le principali troviamo un nuovo strumento “Cross section” (Sezione) accessibile da Tools > Segmentation > Cross Section;

Fonte immagine dal sito danielgm.net

Troviamo ancora una nuova opzione per l’allineamento della camera su una facciata;

Fonte immagine dal sito danielgm.net

Una nuova opzione per ICP, nuova finestra di dialogo per il calcolo della octree, il limite di 128 milioni di punti è stato portato a 2 miliaedi di punti per i sistemi a 564bit, LAS import/export migliorata, ecc.

Tante modifiche anche per CCViewer anche questo aggiornato e scaricabile per tutti i principali OS.

Per scaricare la versione Windows disponibile sia per sistemi a 32 che a 64 bit basta andare sul sito del produttore alla pagina dei downloand;

Per Mac OSX dalla stassa pagina saremo reindirizzati al sito di Andy Maloney che ha sviluppato l’applicazione per una installazione stand-alone disponibile QUI;

Ora finalmente è anche disponibile una versione pacchettizzata per Linux in versione .deb per Debian, Ubuntu e derivate, installabile tramite PPA realizzato da Romain Janvier. Il PPA è disponibile QUI.

Via garr8

TeamViewer 5 Beta è anche per Linux

TeamViewer 5 BetaLo staff di TeamViewer – un software di controllo remoto e supporto tecnico multi-piattaforma – ci ha notificato la disponibilità di una versione gratuita per Linux (per uso personale, perché la licenza professionale è soggetta a sottoscrizione) e volentieri gli ho dato un’occhiata: l’installazione è davvero rapida come promesso e l’interfaccia è molto semplice, ma risulta comunque piuttosto completa.

TeamViewer 5, che per Linux è distribuito in fase beta, dispone già di pacchetti .DEB ed .RPM per l’installazione sulle distribuzioni più diffuse a 32-bit e 64-bit (in quest’ultimo caso sarà richiesta l’installazione delle librerie a 32-bit): per avviare una sessione remota sono sufficienti un ID e una password generati automaticamente, da comunicare al ricevente — ci si può pure registrare come supporto.

Un aspetto molto interessante riguarda proprio la disponibilità di TeamViewer per altri sistemi operativi: è possibile comunicare rapidamente con utenti da OS X e Windows oppure su iPhone. Navigando attraverso le opzioni si può configurare la tipologia di comunicazione e personalizzare ulteriormente il client, già pienamente funzionante in default.

È sicuramente da provare.

via ossblog

Come installare applicazioni Cydia senza usare il wifi

dicembre 2, 2008 Lascia un commento

Per coloro che utilizzano un iPhone jailbreakato (sia esso 2G o 3G), la connessione wireless è essenziale per installare programmi da Cydia o Installer. Con questa guida vediamo come installare file .deb da Pc (Windows) a iPhone, senza necessità di un collegamento WiFi.

Cydia utilizza un sistema di pacchetti utilizzato anche sulle distro Linux Ubuntu e Debian, cioè APT. Per installare un programma su queste due distro, infatti, basta avere il file .deb oppure dare il comando adeguato ed installare un dato programma dalle repo.

Per installare programmi .deb su iPhone, quindi, non serve sempre Cydia, basta solo:

Ecco i passi da seguire:

  • Scarichiamo dal sito il pacchetto .deb più aggiornato (tramite Google possiamo trovarne vari)
  • Avviamo iPhoneTunnel e clicchiamo su “Tunnel”, inseriamo come password “alpine” (senza apici), confermiamo con invio e teniamo aperta la finestra
  • Apriamo WinSCP e connettiamoci a “iPhone”: automaticamente ci troveremo nella directory /private/var/root e copiamo all’interno di questa cartella il file .deb, avendo cura di rinominarlo con un nome facile da scrivere tipo “1.deb”
  • Chiudiamo WinSCP e apriamo Putty
  • Nella finestra che ci appare inseriamo l’IP 127.0.0.1
  • Quando appare un terminale scriviamo prima “root” e poi “alpine”
  • Ora nel terminale scriviamo “cd /private/var/root”
  • Per iniziare l’installazione digitiamo “dpkg -i [nome del file .deb]”
  • Una volta finita l’operazione di installazione (10 secondi massimo, o quando non vedete più nuove scritte) chiudete Putty e la finestra DOS
  • Riavviate l’iPhone e vedrete l’icona del programma nella vostra home

Nel caso in cui vogliate rimuovere un programma, sempre via Putty, basta dare questo comando nel terminale: “apt-get remove [nome del programma]“.
Questo comando si dimostra molto utile anche quando ci si ritrova con un iPhone bloccato sulla mela dopo aver installato un programma da Cydia

Questo metodo descritto nella guida è uguale a quello che usa Cydia per installare i programmi quindi  non comporta il minimo rischio.

Si ringrazia l’utente gianguido per la guida

Fonte: iphoneitalia

Flash Player 10: una svolta per gli utenti di Linux?

ottobre 21, 2008 Lascia un commento

Logo di Adobe Flash PlayerAdobe ha rilasciato da qualche giorno Flash Player 10, rendendo disponibile fin da subito la versione per Linux. Una dichiarazione di intenti in favore del pinguino che sembra suffragata anche da un miglioramento generale del supporto alla nostra piattaforma.

Secondo test prestazionali effettuati da Ars Technica, i miglioramenti nella stabilità e nelle prestazioni generali su Linux sono notevoli. Inoltre, a conferma di una maggiore attenzione per le principali distribuzioni, il plugin è stato rilasciato anche in un comodo pacchetto DEB per Ubuntu, che si affianca ai tradizionali formati RPM e tar.gz.

Dopo la decisione di entrare nella Linux Foundation, Adobe sembra dimostrare con i fatti una maggiore attenzione per la nostra piattaforma, forse anche spinta dal recente successo che i sistemi operativi basati su Linux stanno avendo nel mercato dei netbook. Voi cosa ne pensate? Avete effettivamente constatato dei miglioramenti apprezzabili? Fateci sapere la vostra con un commento

Fonte: Ossblog