Home > Siti Web > The Guardian ha pubblicato la sua Open Platform

The Guardian ha pubblicato la sua Open Platform

The Guardian Open Platform

Mentre i principali quotidiani e le riviste cartacee che decidono di spostarsi sul web abbracciano sempre più spesso i featured content a pagamento (di norma tramite sottoscrizioni forfettarie su base mensile o, annuale come gli abbonamenti tradizionali) per fronteggiare la crisi della carta stampata, c’è chi ha scelto di sfruttare un differente modello di business.

È il caso del britannico Guardian Media Group (editore anche dell’Observer, oltre al quotidiano omonimo) che alla faccia dei competitor nazionali e statunitensi ha lanciato un’Open Platform per publisher e sviluppatori che mira a “reinventare” gli investimenti dell’informazione sulla rete: consolidati e nuovi partner la stanno provando dalla fine del 2009.

La piattaforma offre 3 tipi diversi d’accesso a seconda del piano stabilito con l’agenzia media del Guardian: il primo livello è liberamente accessibile, ma non prevede la pubblicazione dei contenuti integrali di cui il GMG detiene i diritti — sebbene consenta di generare dei mockup. I piani a pagamento dipendono dagli usi delle API che gli editor hanno preventivato.

via ossblog

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: