Home > Notizie dalla rete > UE: banda larga in ogni dove

UE: banda larga in ogni dove

Per la Commissione l’accesso alla Rete va garantito a tutti i costi. Indetta una consultazione di due mesi per uniformare i vari atteggiamenti degli stati membri rispetto alle risorse necessarie allo sviluppo.

Banda larga: in Francia si stanziano miliardi per irrobustire le infrastrutture di rete, in Finlandia la si proclama un diritto dei cittadini, in Italia è ancora considerata un lusso e fatica a decollare. Di fronte a un panorama così variegato, la consultazione indetta questa settimana dall’Unione Europea per garantire ai cittadini la fruizione dei servizi di rete è vista come un intervento necessario a livellare verso l’alto le modalità e la velocità di accesso a Internet.

“Questa consultazione ci aiuterà a verificare la necessità di aggiornare la normativa per garantire che tutti i cittadini della UE abbiano accesso ai servizi di comunicazione essenziali, come l’Internet veloce – ha spiegato il Commissario Neelie Kroes – data la rapida evoluzione dei mercati e della tecnologia, dobbiamo fare in modo che nessuno sia escluso dalla società digitale”.

Vagliare opzioni per la diffusione capillare della banda larga anche nelle regioni più remote ed emanare linee guida cui gli stati dell’Unione dovranno attenersi per legiferare in materia: questi sono i punti chiave su cui si dovrebbe articolare il lavoro della Commissione Europea. La consultazione si concluderà il 7 maggio ed entro la fine del 2010 i commissari contano di poter pianificare le prime proposte.

Tuttavia la UE sembra non essersi accorta di un problema emerso ormai da tempo e sul quale i consumatori hanno più volte alzato la voce: l’effettiva velocità della connessione. I provider infatti sono soliti sbandierare quanti più megabit possibile per accaparrarsi la fiducia dei clienti, i quali spesso e volentieri navigano a velocità decisamente inferiori rispetto a quanto promesso dall’ISP di turno.

Proprio per mettere un freno alle esagerazioni dei provider l’autorità britannica per le comunicazioni (Ofcom) ha annunciato l’intenzione di monitorare migliaia di clienti per individuare eventuali dichiarazioni mendaci. Stessa cosa dall’altra parte dell’Atlantico, dove uno studio condotto da FCC ha svelato che spesso gli utenti riescono a sfruttare solo il 50-80 per cento di quanto promesso dagli ISP.

via punto-informatico

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: