Home > Politica > Maroni: l’autoregolamentazione può bastare

Maroni: l’autoregolamentazione può bastare

Dopo aver minacciato di legiferare contro le istigazioni alla violenza mediate dalla rete, il Ministro si lascia convincere dagli operatori. Si prevede un grande accordo, si sogna una policy globale.

No alle leggi che regolamentino Internet come se fosse un mondo diverso da quello abbracciato dall’ordinario quadro normativo, ma una linea di condotta comune da adottare per fronteggiare e prevenire situazioni in cui la libertà di espressione sconfina massicciamente in quello che potrebbe essere giudicato un reato. I rappresentanti degli operatori della rete, Facebook in primis, si erano rivolti direttamente ai rappresentanti del governo dopo che, a seguito dell’aggressione al Premier e del polverone sollevato fra bacheche e profili, si era brandita la minaccia di leggi ad hoc che punissero cittadini e piattaforme, responsabili di certe sortite e intermediari della rete.

Si punterà invece su un codice di autoregolamentazione: così è stato stabilito nel corso dell’incontro che si è svolto nel pomeriggio presso il Viminale, incontro che ha messo a confronto prospettive e competenze del vice ministro delle Comunicazioni Paolo Romani, del capo della polizia Antonio Manganelli, del consigliere ministeriale con delega alla sicurezza informatica Domenico Vulpiani, del capo della polizia postale Antonio Apruzzese, dei rappresentanti del ministero delle Politiche Giovanili, ma anche delle aziende, fra cui Confindustria, Assotelecomunicazioni, Associazione italiana internet provider, British Telecom, Fastweb, H3g, Vodafone, Wind, Telecom, Facebook, Google e Microsoft.

Il ministro Maroni, che aveva minacciato repressione a mezzo chiusure e oscuramenti imposti dalle autorità per le pagine che ospitassero incitazioni alla violenza, sembra aver cambiato punto di vista: “Abbiamo affrontato il tema di come impedire la commissione di gravi reati su Internet e come rimuoverne i contenuti – ha spiegato Maroni – La strada da seguire è quella di un accordo fra tutti definendo un codice di autoregolamentazione che coinvolga tutti i soggetti interessati, evitando interventi di autorità”.

È possibile che il Ministro sia stato informato dell’impossibilità di agire in maniera chirurgica nelle rimozioni, è possibile che abbia compreso le dinamiche del ruolo svolto dagli intermediari della rete, costretti a confrontarsi con un’enorme mole di contenuti caricati dai netizen: per questo non fa più riferimento alla soluzione finale dell’intervento delle autorità ma invita gli operatori della rete alla collaborazione, affinché le segnalazioni relative a un contenuto inadatto vengano elaborate in maniera tempestiva e coerente, in modo da agire più che prontamente qualora i contenuti violassero la legge.

Non sarebbe dunque necessario l’avvento di alcuna legge repressiva come l’emendamento D’Alia che gravi sugli intermediari attribuendo loro responsabilità mai descritte dalla legge, né di alcuna legge come il DDL Lauro, che attribuisca delle pene particolarmente pesanti ai cittadini che si macchino di reati commessi a mezzo comunicazione telefonica o telematica. Sarebbe sufficiente quello che Maroni definisce un accordo, un codice di autoregolamentazione che coinvolga tutti gli operatori della rete – in Italia e all’estero, auspica il Ministro – che tracci delle linee guida per l’intervento qualora attraverso le piattaforme in rete i cittadini si intrattengano in condotte sospettate di essere illegali. Sarebbe a parer di Maroni “il primo caso al mondo” in cui si potrebbe realizzare “un grande accordo di responsabilità fra tutti gli operatori” capace di bilanciare le esigenze della “libertà di espressione del pensiero e quella di rimuovere contenuti che integrino gravi reati”.

Non bastano dunque le policy adottate finora dagli intermediari della rete, basate sulle rimozioni sollecitate dalle segnalazioni degli utenti. Le loro proposte verranno vagliate e confluiranno nel prossimo incontro previsto per metà gennaio.

Via punto-informatico

  1. luglio 15, 2013 alle 10:59 am

    In the event the objects aren’t used you will move it spine to once each two or three months, but ensure you are really doing it usually sufficient which the scale build up isn’t but visable after
    your clean the product. The purity of the brewing gear, the level of the coffee beans, how long it offers been as the beans had been roasted,
    how long it offers been because the beans had been ground and additionally the top quality of the water found in brewing.

  2. luglio 15, 2013 alle 11:47 pm

    This is my first time visit at here and i am genuinely happy to read all at
    alone place.

  3. luglio 28, 2013 alle 11:52 am

    It is very important to keep any motivation levels extreme by introducing brand new meal campaigns.
    Now choose out the sheet of baking paper and also lay it out in the baking tray.
    Paleo cooking provides the straightforward, natural method of eating which can drastically increase total health, and create
    it simpler to shed body weight in addition.

    I think the key to achievements for me personally,
    and also others which can try this path, it in order to plan ahead.
    Effects of Saturated and Trans Fatty Acids on Health.

  4. agosto 1, 2013 alle 12:04 pm

    Lorsque vous envisagerpolos, il y a à être un Ralph Lauren.
    Ralph Lauren certainement prisesle coeur de beaucoup de comme leligne de vêtements avaient été
    reconnu comme les meilleursmarque de sports, occasionnels,
    ainsi quesports-causalité vêtementsde les hommes et les femmes.
    leur catalogue est plein deleurs robes, blouses, des vestons, des chemises, des chaussures et aussi accessoires qui peut être meilleure pour les hommes et les femmes.
    Tous les ces sont conçu pours’empare de Ralph Lauren. L’un
    est encouragéà watch out pour nos dernièresfashion
    lignes pour vous à profiter denotre exclusif traite.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: