Home > Open Source > Red Hat non conosce crisi economica

Red Hat non conosce crisi economica

Red Hat, leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, ha annunciato i risultati finanziari relativi al quarto trimestre e all’anno fiscale 2009, chiuso il 28 febbraio 2009.

Il fatturato totale del trimestre è stato di $166,2 milioni, registrando una crescita del 18% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno e un incremento sequenziale del 1%. Il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di $139,4 milioni, con un incremento del 14% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno e un aumento sequenziale del 3%. Per l’anno fiscale, il fatturato totale è stato di $652,6 milioni, con un aumento del 25% rispetto al 2008, mentre il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di $541,2 milioni, +20% rispetto all’anno precedente.

“La nostra capacità di assicurare reale valore e risparmi concreti ai nostri clienti ci ha permesso di raggiungere grandi traguardi durante il trimestre, fra i quali fatturazioni superiori ai $200 milioni e più di 100 contratti di valore superiore ai $250.000. In momento economico così impegnativo la nostra offerta è ancora più competitiva, e riteniamo sia uno dei principali driver dei solidi risultati finanziari ottenuti e delle nuove quote di mercato acquisite”, dichiara Jim Whitehurst, presidente e CEO di Red Hat.

98-101

“Su base annuale abbiamo raggiunto una straordinaria combinazione: crescita dell’utile del 25%, utile operativo non-GAAP +24% e flusso di cassa operativo di $236 milioni, senza tenere conto del fatto che i 25 principali clienti ha rinnovato i contratti tutti i trimestri”.

“La solida esecuzione e un’attenta gestione delle spese su base continuativa ci ha permesso di superare gli obiettivi di margine operativo non-GAAP e EPS per il quarto trimestre”, aggiunge Charlie Peters, executive vice president e CFO di Red Hat. “Lavoriamo tutti i giorni per migliorare il profilo, già solido, della società. Abbiamo chiuso l’anno fiscale con liquidità complessiva e investimenti pari a $846 milioni e, sostanzialmente, zero debiti. Nel corso dell’anno fiscale 2009, abbiamo riscattato $570 milioni in debiti convertibili e riacquistato 2,9 milioni di azioni, riducendo così di oltre il 10% il totale delle nostre azioni. In conclusione: è stato un buon anno in un contesto economico difficile”.

Fonte: tuxjournal

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: