Home > Tecnologia > Omnia i900, per alcuni aspetti è meglio dell’iPhone

Omnia i900, per alcuni aspetti è meglio dell’iPhone

PRIME IMPRESSIONI – E’ l’anti-iPhone proposto da Samsung. Funziona con Windows Mobile 6.1, ha la batteria sostituibile, memoria da 8 Gbyte, ma può ospitare anche le schedine microSD e costa come il telefonino Apple: 499 euroOmnia è una parola latina che significa “tutte le cose”, e nella lingua araba il termine indica i “desideri”. Samsung ha dato questo nome al suo telefonino intelligente di punta, proprio perché dovrebbe integrare tutto quello che si può desiderare e chiedere a un cellulare. Omnia i900 è uno smartphone 3,5G QuadBand, touchscreen, equipaggiato con Windows Mobile 6.1 Professional (quindi con gli applicativi Office di Microsoft in versione mobile).

Dotazione e caratteristiche
La velocità in modalità Hsdpa può raggiungere i 7,2 Mbps. Questo device è dotato di 8 Gbyte di memoria Flash, ma ha anche lo slot per l’inserimento di schedine microSD (una sostanziale differenza rispetto all’iPhone). Il telefonino è leggerissimo, piccolo (112×56,9×12,5 mm) e maneggevole. La parte frontale della scocca è occupata dal touchscreen e dal display da 3,2” WQVGA TFT LCD (240×400 pixel), a parte una piccola zona nella parte inferiore dove trovano spazio due pulsanti laterali e il piccolissimo touchpad, nel complesso sufficientemente comodo. In questa modalità è possibile spostarsi sul display, con il cursore, proprio come con il Samsung i780. In alternativa si potrà utilizzare anche lo stilo incluso nella confezione che però non trova un alloggiamento interno al cellulare, ma vi può essere agganciato tramite una piccola fibbia metallica, su uno dei profili con un laccetto.

Dal punto di vista hardware sembra proprio che non manchi nulla. Connettività completa (sia Wi-Fi, sia Bluetooth), sincronizzazione USB con il PC (purtroppo ancora con la presa proprietaria, ma in Samsung assicurano che è vicino il momento del passaggio alla mini-USB e che avverrà in contemporanea su tutti i nuovi terminali), fotocamera da ben 5 Megapixel con flash, sistema autofocus e stabilizzatore di immagine, ricevitore Gps integrato con sistema di rilevamento dei satelliti più vicini a seconda della posizione dell’utilizzatore. Omnia i900, grazie alla capacità della memoria e ai diversi codec integrati consente di fruire di qualsiasi tipo di contenuto multimediale (DivX compresi).

La batteria
I tecnici di Samsung garantiscono che è stato fatto anche un duro lavoro per garantire una durata delle batterie che consenta di portare a termine una giornata di lavoro con un utilizzo misto che prevede l’utilizzo del Wi-Fi internamente e del GPS all’esterno. Il risultato sarebbe stato ottenuto con un’ottimizzazione accurata dei tempi di standby dell’illuminazione del display.

Su questo punto ci riserviamo ovviamente di poter testare lo smartphone. Aprendo Omnia i900 però si può apprezzare la disposizione ordinata di SIM, microSD e batteria (queste ultime due affiancate).

I Widget e l’interfaccia
Le prove che abbiamo potuto fare durante la presentazione ci hanno fornito qualche indicazione di massima. Il touchscreen sembra funzionale, ma non è ai livelli di quello dell’iPhone, l’interfaccia però è tra le migliori in assoluto considerando quelle rinvenibili solitamente sui terminali Windows Mobile. Samsung ha integrato i Widget (prima foto in alto). In pratica l’utente può trascinare la funzione che deve utilizzare in un determinato momento da una barra laterale nel centro del display, e poi ridisporla nella propria sede a sinistra. Resta impressionante come sia Samsung, sia HTC siano riuscite a migliorare la scarna interfaccia Windows ispirandosi (seppur indirettamente) all’ottimo lavoro fatto da Spb Software, basterebbe confrontare le modalità di visualizzazione dei contatti per farsene un’idea. Chi volesse può dare un’occhiata al software Spb Shell (per PocketPC) scaricabile in prova dal sito.

Affidato a mani inesperte, per una prima prova di touch’n feel, il touchscreen ha fatto nascere qualche imbarazzo per la velocità di scorrimento delle icone e delle applicazioni, ma prenderci la mano è questione solo di pochi minuti. Si può impostare la rotazione automatica dell’orientamento dello schermo così come decidere di tenere fissa quella orizzontale o quella verticale. E, inoltre, all’attivazione di un determinato pulsante, si può ricevere la segnalazione a vibrazione per essere sicuri che il comando sia stato recepito. E’ solo una curiosità, però può essere di aiuto considerato che il terminale non ha dimostrato qualità eccezionali di velocità, lanciando le applicazioni.

La tastiera digitale
Siamo più perplessi invece sulla tastiera digitale. Al tocco risponde bene, ma le dimensioni ridotte del terminale non hanno agevolato la scelta di un formato che potesse salvare l’usabilità del software in dotazione e allo stesso tempo la comodità di digitazione. Basta aprire un foglio Excel e provare a inserire del testo con la tastiera sul display per capirlo. Del foglio di Excel, tra menu e altro, si visualizza solo una riga (a stento) e la tastiera occupa più della metà dello spazio. Utilizzando Omnia i900 in verticale si guadagna qualcosa. Perché tutto fosse più comodo probabilmente si sarebbe dovuto pensare a un’Omnia i900 un po’ più grande. A quel punto sarebbe somigliato ancora di più all’iPhone.

Fonte: gizmodo

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: