Archivio

Posts Tagged ‘sistema operativo’

Tutte, ma proprio tutte, le novità del firmware 4.0 riassunte in un unico articolo!

aprile 9, 2010 1 commento

Di sicuro l’iPhone OS 4.0 e le sue oltre 100 novità stanno creando davvero molto interesse ed eccitazione nelle community di appassionati come la nostra. Ed è per questo che cerchiamo di rendervi piu semplice possibile l’apprendimento di queste nuove caratteristiche del sistema operativo dell’iPhone elencandovele tutte in questo articolo.

Premettiamo che il firmware 4.0 sarà inizialmente disponibile solo per gli sviluppatori registrati al Dev Program di Apple, mentre la versione finale sarà disponibile al pubblico a inizio estate (in concomitanza con l’uscita dell’iPhone di quarta generazione).

Iniziamo subito dal multitasking (maggiori info qui), funzione assai desiderata dagli utenti di tutto il mondo. Finalmente sarà possibile lasciare delle applicazioni (anche di terze parti) attive e in background consentendoci quindi di poter fare altre operazioni. Per maggiori informazioni vi rimandiamo al nostro post dedicato.

Con il firmware 4.0 avremo la possibilità di organizzare le applicazioni in cartelle (maggiori info qui), utili per avere un certo ordine e poter quindi trovare facilmente l’applicazione desiderata. Ricordiamo che tutto ciò è già fattibile al momento con l’applicazione Categories presente in Cydia (solo iPhone JB). Maggiori info qui.

Passiamo alla possibilità di impostare uno sfondo personalizzato per la SpringBoard; come indirettamente annunciato tramite l’iPad, anche su iPhone potremo avere una maggiore personalizzazione a livello grafico (al momento l’unico metodo è quello di usare WinterBoard – Cydia).

Novità anche per l’applicazione Mail (maggiori info qui): avremo la possibilità di visualizzare le email in arrivo anche da account diversi in un’unica schermata. Molto utile se dobbiamo gestire piu account contemporaneamente. Inoltre è stata anche implementata la visualizzazione delle conversazioni in stile thread di forum.

Pieno supporto agli ebook anche per iPhone. Tramite l’applicazione iBooks potremo leggere tutti i libri che possiamo goderci anche su iPad. La gestione è del tutto simile a quella su iPad e sarà possibile accedere allo store dei libri digitali.

Apple ha pensato anche alle aziende (maggiori info qui). Per quanto riguarda il settore Enterprise infatti Apple ha progettato alcune funzioni davvero utili per il mondo del business tra cui una migliore connessione alla rete, supporto a Microsoft Exchange Server 2010 e la possibilità di distribuire le applicazioni interne anche mediante i server di proprietà dell’azienda in questione, senza obbligo di passare per iTunes.

Abbiamo assistito anche al lancio del Game Center (maggiori info qui): grazie ad esso potremo usufruire di un vero e proprio social network dei giochi per iPhone, offrendo le features che già alcune case come Gameloft hanno implementato standalone.

A Cupertino hanno pensato anche alla pubblicità mobile (maggiori info qui). Come affermato dai rumors, viene introdotto il servizio iAd, che consentirà agli sviluppatori di inserire degli annunci pubblicitari all’interno delle loro applicazioni in modo di gran lunga migliore rispetto ai sistemi utilizzati attualmente.

Con il firmware 3.0 abbiamo avuto modo di scoprire ed utilizzare le push notifications. Con il 4.0 Apple introduce le local notifications, notifiche che non passeranno per i server Apple in modo da essere piu dirette e soprattutto piu “personalizzate” per il singolo utente.

Altre novità

Andiamo ora ad elencare tutte le altre novità meno importanti ma non per questo non utili ed interessanti:

  • Possibilità di eliminare i risultati delle ricerche di file e mail;
  • Possibilità di effettuare delle ricerche negli SMS e MMS;
  • Suggerimenti per la ricerca nel Web;
  • Possibilità di scegliere la dimensione delle immagini da allegare nelle email;
  • Possibilità di collegare delle tastiere bluetooth;
  • Font diversi per Mail, SMS e Push;
  • Wi-Fi persistente: non perderemo la connessione quando l’iPhone si trova in stato di lock;
  • Possibilità di regalare delle applicazioni direttamente da iPhone;
  • Calendario per i compleanni degli amici;
  • Possibilità di visualizzare le ricerche Web effettuate di recente;
  • Possibilità di creare delle playlist;
  • Zoom digitale 5x nello scatto di foto e video;
  • Autofocus anche nei video;
  • Maggiore integrazione con Nike+;
  • Aggiunta la funzione Luoghi, presente in iPhonto su Mac, nell’applicazione Immagini;
  • Contacaratteri negli SMS
  • Volti e Luoghi in Immagini
  • Controllo Ortografico

Compatibilità

Parliamo di compatibilità del firmware 4.0 con gli iDevices: l’iPhone 3GS avrà accesso a tutte le funzioni descritte, multitasking compreso. L’iPhone 3G potrà godere solamente di alcune caratteristiche. Brutte notizie per i possessori di iPhone 2G, in quanto la nuova versione del sistema operativo NON sarà disponibile per il primo e aggiungerei “storico” modello di Melafonino.

Considerazioni

Sicuramente questa nuova versione del sistema operativo dell’iPhone farà felici tutti gli utenti. Apple ha finalmente implementato nativamente funzioni che prima potevamo apprezzare solamente effettuando il jailbreak del telefono. Inoltre, come ben sappiamo, Apple può impiegare tempo per includere una funzione ma la introduce nel migliore dei modi. Non mancano le novità del tutto nuove (vedi iAd, Mail e iBook) per cui non possiamo che ritenerci soddisfatti. Non resta quindi che attendere l’uscita delle beta dedicate agli sviluppatori e poi alle versioni finali per gli utenti per poter sfruttare a pieno il grande potenziale del nostro iPhone.

Se volete vedere i primi screenshot e video in anteprima allora cliccate qui.

via iphoneitalia

Haiku sarà presentato all’Università di Camerino e in diretta su UStream

Haiku Haiku è una reinvenzione di BeOS che tutti dovreste conoscere, almeno nominalmente: è passato qualche mese dall’uscita della prima alpha e qualcuno ha già pensato di “trasferircisi”.

Al punto che la comunità italiana di Haiku – in collaborazione col LUG dell’Università di Camerino – ha fissato una presentazione in grande stile per domani, lunedì 15 marzo.

Fortunatamente anche chi non potesse assistere di persona all’evento (Camerino si trova nelle Marche in provincia di Macerata) potrà assistere alla presentazione grazie a un canale su UStream creato appositamente per la copertura online in diretta: l’occasione è ghiotta per conoscere un sistema operativo open source diverso da Linux — anche per chi non fosse granché convinto del progetto.

Per quanto mi riguarda, non sono un grande esperto di BeOS e Haiku… ma di primo acchito mi sembra un sistema operativo piuttosto rapido e performante, anche se attualmente disponibile solo a 32-bit: il partizionamento può apparire “ostico” per chi arriva da Windows, mentre rispetto a Linux è decisamente più immediato.

Ha però tutti i limiti di una versione alpha, che può migliorare tanto.

via ossblog

Ubuntu cambia look, si apre alla musica online

Il design team di Canonical ha ufficialmente presentato il nuovo tema grafico che caratterizzerà l’imminente Ubuntu 10.04 (Lucid Lynx), e che si affiancherà ad un rinnovato branding dei prodotti sponsorizzati dalla società di Mark Shuttleworth.

Nuovo logo di UbuntuPer quanto concerne il look, Canonical si appresta a cambiare praticamente tutto: stile dei font, schema dei colori, loghi, banner, design del sito ubuntu.com e, come già detto, il tema del suo noto sistema operativo Linux-based. Tema che rimpiazzerà lo “storico” Human anche sulle principali distribuzioni derivate, quali Kubuntu e Xubuntu.

Il nuovo tema grafico rappresenta la più significativa divergenza dal classico design che da quasi sei anni contraddistingue Ubuntu, e che aveva come suo punto distintivo l’uso di una particolare tinta di marrone. Il nuovo tema, chiamato Light, aggiunge colori quali l’arancione e varie sfumature di viola, e adotta font leggermente più sottili e icone più piccole. Caonical spiega di essersi ispirata all’idea di “luce”, da qui il nome Light, idea utilizzata per simboleggiare qualità del software come la leggerezza, l’efficienza, la chiarezza e la velocità.

Come si è detto, la prima versione di Ubuntu che introdurrà il nuovo look sarà la 10.04, il cui rilascio ufficiale è fissato per la fine di aprile. I tempi di testing appaiono piuttosto compressi visto che l’ultima release della distribuzione, rilasciata lo scorso 26 febbraio, è l’Alpha 3: in meno di due mesi, dunque, il team di sviluppo dovrà trasformare l’attuale alpha nella release finale.

Con la prossima versione di Ubuntu dovrebbe debuttare anche l’Ubuntu One Music Store, che come dice il nome sarà un negozio online di musica e farà parte della piattaforma cloud Ubuntu One.

Il negozio venderà esclusivamente brani MP3 privi di qualsivoglia protezione o watermark forniti dal provider 7digital. Il funzionamento dell’Ubuntu One Music Store viene descritto più in dettaglio in questo post di Alan Pope, uno degli sviluppatori del servizio.
Via punto-informatico

L’applicazione è il nuovo sistema operativo

febbraio 12, 2010 Lascia un commento

Matt Asay qualche giorno fa ha scritto un articolo sull’iPad commentando le parole di Fabrizio Capobianco che spiegano come l’applicazione sia diventato il nuovo sistema operativo.

Il paradigma d’uso di iPad cambia le regole a cui siamo abituati e trasforma il computer in qualcosa di più vicino all’utente inesperto nascondendo dettagli irrilevanti come le directory o il desktop. Tutto quello che serve è sfiorare un’icona ed il computer si trasforma in quella singola funzionalità.

Una semplificazione che elimina le complessità e rende più semplice l’esperienza d’uso per gli utenti. Sarà questa la strada futura del computing di massa? A prescindere da quanto questa nicchia si ingrandirà il movimento FOSS è tenuto a confrontarsi ed a proporre soluzioni valide.

Le capacità tecniche e creative non mancano come si può notare sfogliando i vari progetti che già sono in giro e non essere legati ad una singola strategia o ad un sistema operativo significa anche essere più liberi di sperimentare e trovare la soluzione migliore.

Riusciranno questi progetti a portare l’utente finale ancora più al centro dello sviluppo? Secondo Matt la risposta è affermativa e secondo voi?

via ossblog

Linux.com ti aiuta a trovare lavoro

gennaio 19, 2010 129 commenti

Linux Jobs

Una domanda che si pongono in molti è come sia possibile trarre guadagni con l’open source: rispondere è tutt’altro che scontato, benché chi abbia a che fare con l’ambiente non trovi difficoltà a spiegare le ragioni che l’hanno indotto a questa opzione — ormai “sdoganata”, col rammarico di molti, dall’idillio arcadico della mera filosofia no-profit e del free software.

A prescindere dall’annosa querelle, da qualche giorno è possibile trovare lavoro con Linux.com anche se non si hanno possibilità di fondare una propria startup e diventare imprenditori nel venture capitalism. È un’iniziativa di The Linux Foundation — che personalmente trovo eccezionale, anche se gran parte delle offerte di lavoro sono all’estero.

In sostanza la fondazione mantiene una sezione informativa sul proprio sito che permette di consultare – in pochi semplici clic – le offerte di lavoro disponibili per il kernel di Linux o, in generale per inserirsi in una delle principali aziende che lavorano sul sistema operativo. Consiglio di darci un’occhiata.

via ossblog

Lenovo Skylight: smartbook con CPU ARM e Linux

gennaio 14, 2010 Lascia un commento

Al CES 2010 di Las Vegas, conclusosi da qualche giorno, Lenovo ha presentato il suo primo smartbook. Si tratta di un dispositivo ultra-portatile basato su architettura ARM, più precisamente utilizza una CPU Qualcomm da 1GHz.

Nonostante l’azienda non voglia definirlo “netbook”, ha comunque caratteristiche simili in fatto di dimensioni, visto il display da 10,1 pollici e la tastiera grande quanto quella di un laptop tradizionale. In cambio, però, pesa appena 900 grammi e questo è abbastanza per fare la differenza. Skylight integra 20GB di memoria flash per l’archiviazione dei dati e supporta schede miniSD da 8GB. Tra le specifiche tecniche non mancano due porte USB, una videocamera da 1,3 megapixel e connettività Wi-Fi, 3G.

Sorprende l’autonomia, ben 10 ore di utilizzo con singola carica. Il prodotto utilizza una versione personalizzata di Linux come sistema operativo predefinito, con un’interfaccia dotata di diversi widget, come quello di Facebook, Youtube o Gmail.

Lenovo Skylight sarà disponibile ad aprile negli Stati Uniti e dovrebbe arrivare in Europa nel corso dell’anno. Il prezzo di vendita è di 499 dollari.

via tuxjournal

WineBottler: avvia i programmi Windows da Mac Os X

gennaio 12, 2010 Lascia un commento

Per tutti quei mac user che come me vogliono evitare di virtualizzare un intero sistema operativo, vi è un’applicazione gratuita chiamata WineBottler che permette di eseguire gli .exe delle applicazioni Windows che non sono disponibili per Mac OS X.

WineBottler si basa su Wine HQ, l’unica differenza sta nell’interfaccia utente molto più pratica e semplice da usare.

Il progetto è ancora agli inizi, infatti l’applicazione è ancora in fase di Beta Testing e non è ancora compatibile con tutti i programmi Win, ma promette davvero bene…

Per chi fosse interessato è disponibile anche il codice sorgente completo.

via ilarialab

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.