Archivio

Posts Tagged ‘Linux’

CloudCompare disponibile la v2.5.0

luglio 15, 2013 2 commenti

CloudCompare si aggiorna alla versione v2.5.0 / QT rilasciata il 12 luglio. Ricordiamo che Cloud Compare, è un software per l’elaborazione delle nuvole di punti e delle mesh è stato originariamente progettato per eseguire il confronto tra due nuvole di punti 3D o tra una nuvola di punti ed una maglia triangolare.

CloudCompare è un software molto potente ed Open Source capace di aprire e salvare in diversi formati, come BIN, ASCII, PLY, OBJ, VTK, LAS, E57, OUT, PCD, SOI, PN, PV, ICM, mentre permette il salvataggio per le nuvole di punti in BIN, ASCII, PLY, LAS, E57, VTK, PN, PV, PCD mentre per le mesh in OBJ, PLY, VTK, MAYA (ASCII).

Nelle note di rilascio si specifica che anche questa volta le novità sono tante, tra le principali troviamo un nuovo strumento “Cross section” (Sezione) accessibile da Tools > Segmentation > Cross Section;

Fonte immagine dal sito danielgm.net

Troviamo ancora una nuova opzione per l’allineamento della camera su una facciata;

Fonte immagine dal sito danielgm.net

Una nuova opzione per ICP, nuova finestra di dialogo per il calcolo della octree, il limite di 128 milioni di punti è stato portato a 2 miliaedi di punti per i sistemi a 564bit, LAS import/export migliorata, ecc.

Tante modifiche anche per CCViewer anche questo aggiornato e scaricabile per tutti i principali OS.

Per scaricare la versione Windows disponibile sia per sistemi a 32 che a 64 bit basta andare sul sito del produttore alla pagina dei downloand;

Per Mac OSX dalla stassa pagina saremo reindirizzati al sito di Andy Maloney che ha sviluppato l’applicazione per una installazione stand-alone disponibile QUI;

Ora finalmente è anche disponibile una versione pacchettizzata per Linux in versione .deb per Debian, Ubuntu e derivate, installabile tramite PPA realizzato da Romain Janvier. Il PPA è disponibile QUI.

Via garr8

Copyright UNIX, SCO ha perso la guerra

Scritto forse il capitolo finale di un’estenuante saga giudiziaria. Il pinguino e i suoi sostenitori possono tirare un sospiro di sollievo. E SCO dovrebbe avviarsi verso un rapido tramonto.

Anche i peggiori horror cinematografici prima o poi finiscono, figurarsi la vicenda di una azienda ridotta all’ombra di se stessa come SCO Group, che da anni si mantiene in vita per un unico scopo: provare ad addentare il business di Novell, IBM e altri. Colpevoli, a suo dire, di aver indebitamente lucrato su vecchi brevetti UNIX di proprietà di SCO.

La storia infinita della guerra “SCO contro Linux” era stata sin qui costellata di amare sconfitte per la ex-Caldera Systems, che nondimeno seguitava a ritornare sul piede di guerra con una litigiosità legale apparentemente immutata a ogni batosta ricevuta nei tribunali.

Prima un giudice l’aveva data vinta a Novell con una multa milionaria, poi la decisione di concedere a SCO l’appello davanti alla giuria, perso anche quello. E infine l’ultimo atto della “tragedia SCO”, la negazione di un nuovo processo basato sul solo fatto che a parere di SCO la decisione della giuria era sbagliata.

“SCO sostiene di avere diritto a un giudizio legale perché il verdetto non è compatibile con la schiacciante evidenza e la legge. La corte rispettosamente dissente – ha scritto il giudice Stewart – La giuria ha stabilito che la versione dei fatti fornita da Novell è maggiormente persuasiva. Tale conclusione è ben supportata dalle prove. C’è stata una sostanziale evidenza del fatto che Novell prese la decisione intenzionale di mantenere la paternità sui diritti d’autore”.

Insomma quasi non ci si crede, ma questa volta la questione SCO contro Linux dovrebbe essere chiusa per sempre: i diritti di copyright su UNIX contesi tra le aziende coinvolte appartengono a Novell, e a SCO non resta che completare l’iter della bancarotta per riposare infine in pace senza alcuna concessione di altre – a questo punto probabilmente sterili – rivalse legali. Con la conclusione del caso Novell, infatti, a SCO non restano basi legali valide per continuare a procedere contro le altre aziende che hanno basato il proprio business su Linux. IBM in testa.

Via punto-informatico

Android anche su iPhone

Un iPhone hacker è riuscito a far girare Android su un iPhone. All’avvio può partire iPhone Os oppure Android se viene tenuto premuto il tasto home.

Nella prima parte del video si vede il classico sistema operativo per dimostrare che non ci sono trucchi in questo filmato.

Dopo il reboot si vede Linux partire con il log delle inizializzazioni fino all’avvio completo di Android.

Nonostante la qualità del codice non sia altissima il telefono è già in grado di collegarsi alla rete, navigare, ascoltare musica ed anche fare chiamate voip.

Via ossblog

TeamViewer 5 Beta è anche per Linux

TeamViewer 5 BetaLo staff di TeamViewer – un software di controllo remoto e supporto tecnico multi-piattaforma – ci ha notificato la disponibilità di una versione gratuita per Linux (per uso personale, perché la licenza professionale è soggetta a sottoscrizione) e volentieri gli ho dato un’occhiata: l’installazione è davvero rapida come promesso e l’interfaccia è molto semplice, ma risulta comunque piuttosto completa.

TeamViewer 5, che per Linux è distribuito in fase beta, dispone già di pacchetti .DEB ed .RPM per l’installazione sulle distribuzioni più diffuse a 32-bit e 64-bit (in quest’ultimo caso sarà richiesta l’installazione delle librerie a 32-bit): per avviare una sessione remota sono sufficienti un ID e una password generati automaticamente, da comunicare al ricevente — ci si può pure registrare come supporto.

Un aspetto molto interessante riguarda proprio la disponibilità di TeamViewer per altri sistemi operativi: è possibile comunicare rapidamente con utenti da OS X e Windows oppure su iPhone. Navigando attraverso le opzioni si può configurare la tipologia di comunicazione e personalizzare ulteriormente il client, già pienamente funzionante in default.

È sicuramente da provare.

via ossblog

Lubuntu rimandata a ottobre, Lucid Lynx intanto è in beta2

Ci sono poche possibilità che la prima versione ufficiale di Lubuntu venga rilasciata a fine aprile, insieme a Lucid Lynx, secondo quanto affermato da Julien Lavergne, uno dei manutentori. La versione di Ubuntu con desktop Lxde dovrà aspettare ottobre per diventare ufficiale.

Per quanto riguarda Lubuntu, destinata prima o poi a sostituire Xubuntu come terza distribuzione ufficiale di casa Canonical, ci sono ancora infatti un paio di cose da sistemare. A partire dall’iso che non è costruita a partire dall’architettura ufficiale di Ubuntu.

Diversi pacchetti importanti poi non sono ancora stati inseriti nei repository di Ubuntu, il file manager di default è ancora in fase alpha e molte applicazioni principali, a partire dal network-manager, non hanno ancora trovato un equivalente.

Intanto è stata rilasciata la beta2 di Ubuntu 10.4, di cui Webuptod8 mette ben in luce le novità, a partire dall’inversione dell’ordine dei bottoni delle finestre che restano a sinistra, tema di cui abbiamo tanto discusso.

Prime critiche però per la beta2 di Lucid Lynx: secondo Roberto Lissandrin, che afferma di aver eseguito un test sullo stesso hardware, Mint 8 basata su Ubuntu 9.10 avrebbe performance migliori di Ubuntu 10.4 beta2, non però della beta1.

via ossblog

PS3, il primo custom firmware ama il Pinguino

aprile 9, 2010 2 commenti

È da inizio anno che GeoHot, nome in codice dell’hacker George Hotz già autore del jailbreaking per iPhone, ha dedicato le proprie abilità di reverse engineering all’individuazione di falle e debolezze all’interno del sistema di protezione di PlayStation 3. La console nipponica ha già fatto crack sotto le capaci mani dello smanettone, che ora dà un’ulteriore dimostrazione della validità del suo lavoro proponendo un video che mostra in funzione il primo “custom firmware” per PS3.

Video e firmware seguono a stretto giro di posta l’update obbligatorio al firmware che Sony ha reso disponibile dal 1 aprile, un aggiornamento teso quasi esclusivamente a eliminare la funzionalità di installazione di un secondo sistema operativo su HD impedendo di fatto di poter usare OS Linux sulla console.

Gli utenti non l’avevano presa bene, e GeoHot aveva subito promesso di mettere una pezza laddove Sony aveva deciso di abbandonare quella parte dei suoi consumatori interessati (legittimamente) all’utilizzo di Linux su PS3. Manca ancora un archivio da scaricare ma, visto il buon nome che si è fatto l’autore, il video inserito su YouTube è al momento sufficiente a dimostrare che il custom firmware “3.21OO” esiste ed è pienamente funzionante.

Il primo firmware hackerato della storia di PS3 non mette in mostra nessuna nuova funzionalità, dice GeoHot, perché la release 3.21 originale (non) fa altrettanto. L’installazione del firmware è definita “super-facile” a condizione che la macchina monti la versione 3.15 o precedente, e ripristina la capacità di installare un sistema operativo alternativo sulla console con buona pace dei tagli di funzionalità da parte di Sony.

Non solo il firmware 3.21OO sarebbe in grado di restituire la funzionalità perduta alle console “fat”, ma potrebbe anche (condizione non ancora testata nemmeno dall’hacker) integrarla nelle versioni “slim” della console, che non l’hanno mai avuta. Un risultato, come evidenzia Shacknews, che aumenta di parecchio il livello e l’attrattiva dell’opera di coding di GeoHot.

Ancora una volta, dunque, si ripete il classico schema di corsa e rincorsa tra produttori di sistemi presunti “blindati” e smanettoni interessati ad aprire ogni genere di lucchetto, e GeoHot si prende anche la soddisfazione di bacchettare Sony accusandola di voler “potenzialmente trasformare oltre 100mila utenti legittimi in hacker” vista la rimozione della funzionalità “OtherOS” e l’enorme aumento di traffico (x20) sperimentato dal suo blog dopo l’annuncio del custom firmware.

via punto-informatico

BPhone, uno smartphone Linux che sembra un netbook

ChinaGrabber ha da poco lanciato sul mercato asiatico un nuovo smartphone quadband con sistema operativo Linux che sfrutta la CPU Marvell PXA310 da 624MHz e 128MB di memoria RAM.

Punto di forza del BPhone – questo il nome del dispositivo – è sicuramente il display touchscreen da ben 5 pollici, in grado di raggiungere una risoluzione di 800×480 pixel. Caratteristica importante di quest’ultimo è la possibilità di ruotarlo di 180 gradi così da poter utilizzare lo smartphone quasi come un piccolo portatile, grazie anche alla tastiera QWERTY estesa.

Al BPhone non manca veramente nulla: Wi-Fi, Bluetooth e GPS. Per quanto riguarda l’archiviazione dei dati, invece, fa affidamento su schede di memoria flash fino ad un massimo di 16GB. Pesa 300 grammi, ha un’autonomia in conversazione di circa quattro ore ed è basato sul sistema operativo ARM Linux 2.6.

Il BPhone è venduto al prezzo di 570 dollari. Maggiori informazioni su questa pagina.

  • Processor — Marvell PXA310 @ 624MHz
  • Memory — 128MB SDRAM
  • Flash — 256MB of NAND flash; 1 x memory card slot for up to 16GB
  • Display — 5-inch 800 x 480 touchscreen with 180-degree rotation
  • Wireless:
    • GSM/GPRS 850/900/1800/1900MHz
    • WiFi with WAP
    • Bluetooth
    • FM radio
    • GPS
  • Audio — earphone connector; stereo earphones with built-in mic and clip; audio recorder; MP3, WAV, AMR, AWB playback
  • Video — 3GP/MPEG4 (AVI) playback
  • Other features — QWERTY keyboard; USB port; leather case
  • Software:
    • Java-compatible
    • Chinese or English
    • Phone book with 2,000 entries
    • SMS/MMS
    • Calendar, notes, alarm clock, calculator
    • E-book reader (TXT only)
  • Battery — Li-ion with up to 4 hours talk time, 400 hours standby
  • Dimensions — 5.71 x 3.74 x 0.96 inches (145 × 95 × 24.5mm)
  • Weight — 10.3 oz (0.291 kg)
  • Operating system — ARM Linux 2.6

via tuxjournal

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.