Archivio

Archive for the ‘Download’ Category

CD/DVD/Blu-ray Disc Recovery: recuperare gratuitamente i propri dati dai principali supporti ottici danneggiati

giugno 1, 2010 1 commento

I CD e i DVD costituiscono senza alcun dubbio due tra i supporti maggiormente utilizzati mediante cui archiviare i propri dati poiché, nella stragrande maggioranza dei casi, consentono di salvaguardare tutto quanto occorre in modo semplice e sicuro.

Tuttavia vi è però da considerare che si tratta di due risorse che, in linea generale, pur essendo estremamente affidabili, risultano però piuttosto soggette a graffi e danni di varia tipologia se non conservate e salvaguardate in modo corretto, implicando dunque l’eventuale impossibilità di accedere correttamente ai vari dati archiviati.

Nel caso in cui vi ritroviate ad avere a che fare con supporti danneggiati ma, per ovvi motivi, avvertite comunque la necessità di recuperare tutto quanto archiviato sul CD o DVD di turno, potreste allora prendere in seria considerazione l’idea di ricorrere all’utilizzo di un utilissimo strumento quale CD/DVD/Blu-ray Disc Recovery.

Si tratta infatti di un programmino completamente gratuito e specifico per OS Windows che, mediante un interfaccia utente alla portata di tutti, consentirà di far fronte alle situazioni sopra specificate permettendo di recuperare in modo estremamente semplice tutti quelli che sono i file danneggiati presenti su CD, DVD e dischi Blu Ray, così com’è facile dedurre dal nome stesso del software.

L’applicativo, particolarmente utile per il recupero di file multimediali digitali, documenti e file di testo, andrà ad agire avviando dapprima la scansione dei vari settori del disco d’interesse, eseguendo poi il salvataggio dei file danneggiati e, infine, andando a copiare i dati corretti direttamente dal disco rigido.

Il software supporta la maggior parte dei dispositivi ottici come CD/DVD/Blu-ray Disc Recovery, dischi Blu Ray e file system ISO9660 e UDF.

Detta in altri termini, CD/DVD/Blu-ray Disc Recovery costituisce insomma un ottima ed efficiente risorsa destinata, nello specifico, a tutti i geek un po’ più sbadati!

Via geekissimo.com

Qimo 2.0, una distro per i più piccoli

maggio 31, 2010 1 commento

Dopo più di un anno di lavoro è uscita Qimo 2.0, una distro pensata appositamente per i bambini dai 3 anni di età in su.

La distro si arricchisce di un nuovo personaggio, Illa, un’orsetta polare il cui nome significa “amico” nella lingua Inuit. Tra le novità tecniche più interessanti di questa versione c’è la possibilità di avere una sessione diverse per ognuno dei vostri figli e per voi. Se poi utilizzate già Ubuntu (la distro da cui è stata ricavata Qimo) potete anche installare il pacchetto qimo-session dal repository Universe per installare tutte le novità.

Un modo per avvicinare per gradi i vostri piccoli al computer con le applicazioni più adatte. Per il download potete usare il seguente torrent: http://www.quinncoincorporated.org/qimo-2.0-desktop.iso.torrent

Via ossblog

Kid-Key-Lock, bloccare mouse e tastiera per proteggere il computer dai bambini

maggio 24, 2010 1 commento

In presenza di un bambino in casa, ci si preoccupa dei mobili bassi e spigolosi, di oggetti fragili e, quindi, anche del nostro computer. Si, insomma, a romperlo fisicamente è un po’ difficile per un bambino, ma basta la giusta combinazione di movimenti del cursore, click del mouse e tasti della tastiera battuti e la frittata è fatta. Magari è possibile che un bambino ci cancelli file importanti relativi al nostro lavoro.

Questo genere di cose succedono con bambini abbastanza grandi da riconoscere una tastiera, un mouse ed un monitor, ma abbastanza piccoli da non rendersi conto di quello che fanno. Una soluzione potrebbe essere quella di spegnere il computer. Ma se fosse questione di qualche minuto, conviene spegnere del tutto la macchina? Io credo di no, per questo oggi voglio presentarvi un software capace di bloccare mouse e tastiera in caso di “pericolo bambino curioso” (ma anche in altre situazioni in cui non vogliamo che il nostro computer sia usato da altre persone).

Il software che vi permetterà di bloccare mouse e tastiera si chiama Kid-Key-Lock ed è freeware. Analizziamo ora le sue funzionalità. Permette di bloccare pulsanti a nostra scelta del mouse (possiamo infatti scegliere se bloccare solo il tasto destro o quello sinistro, oppure entrambi).

Per quanto riguarda la tastiera, possiamo scegliere tra diversi livelli di protezione (da “non bloccare nulla” a “blocca tutto”). Per disattivare il software potremo impostare una parola chiave che se digitata permette di ricominciare ad usare il computer normalmente (anche se c’è il blocco totale della tastiera, la combinazione funziona).

via geekissimo

USA, assolto il nemico RapidShare

Dopo essere stato incluso nell’asse del male del P2P, il servizio di hosting è stato liberato dalle accuse di un’azienda specializzata in contenuti per adulti. Non sarebbe affatto responsabile dei contenuti caricati dagli utenti.

Si è parlato di una vittoria importante, oltre che di un significativo precedente in territorio statunitense. Una corte californiana ha recentemente assolto il noto servizio di file hosting RapidShare, stabilendo che quest’ultimo non sia affatto responsabile di certi contenuti caricati dai suoi stessi utenti.

La battaglia legale era iniziata nello scorso anno, quando Perfect 10 – azienda californiana specializzata in vari tipi di contenuti per adulti – accusava RapidShare di aver permesso la condivisione di alcune immagini protette dal copyright. L’azienda a stelle e strisce aveva quindi richiesto che il processo si tenesse in California, mentre i responsabili di RapidShare ne chiedevano lo spostamento in terra tedesca.

Spostamento negato dalla corte statunitense, che ha ora respinto le accuse da parte di Perfect 10. Il servizio di hosting non può essere ritenuto colpevole dal momento in cui è semplicemente un contenitore, un intermediario. Quindi non responsabile della violazione del diritto d’autore collegato alle immagini su cui Perfect 10 detiene i diritti.

“Per noi si tratta di una pietra miliare – ha spiegato un entusiasta Christian Schmid, founder di RapidShare – perché è una decisione presa negli Stati Uniti. Siamo lieti che la corte californiana non abbia sposato la strana tesi di Perfect 10, e non vediamo l’ora di dare sempre maggior risalto alla grande differenza che esiste tra RapidShare e tutti quei siti illeciti di file hosting”.

E si tratta effettivamente di una vittoria importante per il sito, dal momento che già un tribunale tedesco aveva recentemente stabilito la sua estraneità alle violazioni del copyright denunciate in aula dalla casa di produzione cinematografica Capelight Pictures. Ma si tratta anche di una decisione che piacerà poco all’anti-pirateria a stelle e strisce, che proprio in questi giorni aveva diramato la speciale lista dei sei siti più pericolosi del P2P. RapidShare è presente.

Via punto-informatico

SMS con numero inesistente o falso: SMS Spoofing

maggio 14, 2010 9 commenti

Ti sarà sicuramente capitato di voler fare uno scherzo a qualche tuo amico, pensando di inviargli un SMS da un altro numero e non sapendo come fare hai rinunciato allo scherzo.

Peccato, se tu fossi passato prima di qua, avresti portato a termine il tuo scherzo perfettamente!

Ti starai chiedendo se sia possibile o meno mandare un SMS da un numero di tua fantasia, falso, oppure esistente ma di un’altra persona…giusto?

Ebbene sì. Tutto questo è possibile e non richiede nessuna grande capacità tecnica nè tantomeno informatica.

Devi sapere che esiste servizio online che permette di fare questo.

Il sito è hoaxmail.co.uk , ti puoi iscrivere gratuitamente e iniziare il tuo scherzo.

Questo servizio in pratica ti permette di inviare un SMS verso un cellulare e far apparire al destinatario il numero da te scelto come mittente del messaggio stesso.

Ho pensato che testare di persona il servizio fosse il miglior modo, così mi sono iscritto al servizio compilando il modulo, ho inserito il numero del mittente che volevo far apparire al destinatario sul display, successivamente ho inserito il numero del destinatario e il testo del messaggio.

FATTO! Niente di più semplice.

Il messaggio è arrivato quasi all’istante. Ho letto che è possibile anche inviare il messaggio in un secondo momento preimpostandolo.

Potrai per esempio programmare l’invio di un messaggio ad un tuo amico e decidere di farglielo ricevere quando magari siete insieme. In questo modo non avrà dubbi sulla veridicità del messaggio, oltre che vedere sul display il numero da te scelto…

Come detto in precedenza l’iscrizione al servizio è Gratuita mentre l’invio dell’ SMS è a pagamento. L’invio di un messaggio costa 1.35 euro e per ricaricare l’account puoi utilizzare tranquillamente Paypal.

Il servizio Hoaxmail.co.uk permette inoltre di inviare email con il mittente scelto da te, contraffatto, inoltre ti permette di ricevere risposte all’indirizzo email falso.

Se scegli l’account gratuito, alla fine di ogni email apparirà una scritta che indica al mittente che l’email è stata inviata tramite il servizio hoaxmail.co.uk.

Se vuoi togliere questa limitazione ti basterà passare all’account a pagamento.

Il costo? 3.45 euro al mese oppure 21.80 euro all’anno.

Personalmente ho trovato questo servizio utile e a buon mercato.

In fondo 1.35 euro per uno scherzo ben riuscito mi sembra una cifra modesta. Il funzionamento è semplice e intuitivo, non necessita di nessuna capacità particolare.

Ti consiglio di provarlo e vedere con i tuoi occhi il funzionamento e dopo, successivamente, passare all’azione.

P.s. Ti consiglio di non utilizzare il servizio per commettere atti illegali, in quanto, logicamente, verrai con molta probabilità rintracciato e dovrai rispondere di quello che hai fatto. Per fare due risate è un ottimo servizio, economico e funzionale.

Via hackgeek

VirtualBox 3.1.4 Italiano Win Portable USB

marzo 23, 2010 2 commenti

VirtualBox 3.1.4 Ita Win Portable USB
Software per la creazione di Macchine virtuali nelle quali far girare sistemi operativi, con la massima sicurezza, mentre si utilizza Windows. Non serve l’installazione, basta copiarlo in una pen-drive, oppure lasciarlo in una cartella del computer. Si lancia con un doppio click e non sporca il registro di Windows …

Abbiamo trasformato questo utilissimo e facilissimo software, dalla versione 3.1.4 installabile alla versione 3.1.4 portable (USB) per la massima libertà di utilizzazione. VirtualBox è multipiattaforma (installabile sotto molti sistemi operativi), ma la nostra versione portable gira solo sotto sistemi operativi Windows. Con VirtualBox, mentre siamo sotto Windows, possiamo aprire un altro sistema operativo e lavorare con entrambi contemporaneamente.

Ad esempio possiamo avere Linux, magari Ubuntu, ma anche un altro Windows da utilizzare per una navigazione sicura in internet. Infatti se dovessimo essere infettati da virus o malware in genere, mentre siamo nella macchina virtuale, questi non passerebbero al nostro Windows normalmente installato. Inoltre VirtualBox risulta utilissimo se vogliamo provare altre versioni di Windows o di Linux senza doverle installare stabilmente nel nostro computer.

L’applicazione è gratuita (per uso personale – licenza originale) ed in italiano. VirtualBox è pure molto semplice da utilizzare.

Continua a leggere su istitutomajorana

Fra le 10 applicazioni open source più scaricate domina il peer-to-peer

marzo 12, 2010 3 commenti

Vi siete mai chiesti quali siano le più scaricate applicazioni open source? Secondo le statistiche di SourceForge.net, riprese da Kale in un post su Geektrio, nella top ten c’è solo un’applicazione specifica per Linux, due sono cross-platform e il resto sono per Windows.

Sono i programmi di peer-to-peer a farla da padrone (ma attenzione, parliamo dei soli programmi presenti su SourceForge.net). Il podio infatti se lo spartiscono eMule, Vuze (ex Azureus) e Ares Galaxy, client peer-to-peer (torrent il secondo) che permettono di scaricare tutto o quasi. Al nono posto si piazza un altro client del genere, DC++.

Sorprende, o forse no, trovare Gimp per Windows al sesto posto dopo 7-Zip e Filezilla. E ancora più sorprendente è trovare al decimo posto una piccola applicazione che permette di usare le font di Windows su sistemi Linux.

Gli altri piazzati sono Audacity (7°) e PortableApps (8°), applicazione che consente di mettere su usb altri programmi open source, Smart Package of Microsoft core fonts.

via ossblog

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.